Come scoprire se si è intolleranti ai latticini

 
E-mail Stampa

Il Breath Test, l'analisi del respiro permette di scoprire se c'è il problema

breath_testCirca il 30% dei soggetti adulti in Italia soffre di problemi intestinali dovuti a cattivo assorbimento del lattosio, ed il 10% di questi ne risultano essere intolleranti. Il test cardine che permette di diagnosticare l’intolleranza al lattosio è il cosiddetto “Breath Test” o anche chiamato “test del respiro all’idrogeno”. Questo test si basa sull’evidenza che se il lattosio non viene digerito a livello dell’intestino per mancanza della lattasi (enzima responsabile della digestione del lattosio), questo viene fermentato dalla flora intestinale con la formazione di grosse quantità di idrogeno, che in parte viene assorbito nel colon e in parte viene eliminato con la respirazione. Questo rappresenta esattamente l’obiettivo e la funzione di questo esame. Non si tratta assolutamente di un test invasivo e può essere effettuato sia dai bambini che dalle donne in gravidanza. Inoltre possiede un notevole grado di specificità e sensibilità.

La sera prima del giorno del test, il paziente deve assumere riso bollito senza alcun condimento e carne cotta ai ferri, evitando di bere bevande gassate. Il giorno dell’esame è assolutamente necessario essere a digiuno e non si deve fumare. Il “Breath test” quindi consiste, in un primo prelievo di espirato per rilevare il valore basale di escrezione di idrogeno del paziente ancora a digiuno. Successivamente viene somministrata al paziente una quantità definita di lattosio (calcolata in base al peso, o altri indicatori), si fa soffiare dentro un palloncino ogni 30 minuti per le tre ore successive.

A questo punto il respiro sarà esaminato da una macchina che valuta la quantità di idrogeno proveniente dalla fermentazione del lattosio non digerito che si trova nel lume intestinale. Se la quota di idrogeno rinvenuta nel respiro esalato dopo somministrazione di lattosio è superiore rispetto a quella riscontrata a digiuno, allora si può affermare che il soggetto risulta essere positivo al “breath test” e quindi di conseguenza intollerante al lattosio. Nelle ore successive al test, se il soggetto risulta intollerante, potrà avvertire meteorismo, dolori addominali e diarrea che ne confermano la diagnosi. È un test di semplice esecuzione, richiede solo qualche ora a disposizione, si può effettuare in regime di Day Hospital negli ospedali, quindi attraverso il Sistema Sanitario Nazionale, sia nei laboratori privati. Per quanto riguarda i costi, se si decide di fare questo esame attraverso il Sistema Sanitario Nazionale, ovviamente sono del tutto contenuti e possono arrivare ad un massimo di 40 euro, sebbene i tempi di attesa possono essere anche molto lunghi. Invece per quanto riguarda il privato, i prezzi variano a seconda del centro o del laboratorio privato che lo effettua, per questo è sempre ben raccomandato accertarsi in anticipo della cifra che si andrà a pagare.

È importante sottolineare che il Breath Test può essere utilizzato per diagnosticare anche altri tipi di intolleranze alimentari non solo quella al lattosio. Infatti è anche utile per evidenziare intolleranze al lattosio, fruttosio o al sorbitolo (per diagnosi di celiachia). Inoltre, cosa non meno importante, questo test è in grado di rilevare la presenza del batterio Helicobacter pylori.

 

Altri Articoli - Nutrizione

“Sembra una stella cadente….!”

embriotransfer scritta
Prof.Claudio Manna

News

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
ABORTO SPONTANEO RICORRENTE: SI SCOPRE UNA CORRELAZIONE CON IL FATTORE VEGF. ABORTO SPONTANEO RICORRENTE: SI SCOPRE UNA CORRELAZIONE CON IL FATTORE VEGF. Il fattore di crescita dell’endotelio o VEGF è una proteina coinvolta nella formazione di ...
I GRASSI SATURI DANNEGGIANO LA QUALITA' DEL LIQUIDO SEMINALE I GRASSI SATURI DANNEGGIANO LA QUALITA' DEL LIQUIDO SEMINALE Secondo uno studio pubblicato sull’ American Journal of Clinical Nutrition, quantità ecc...
SINDROME DI DOWN E CURA: PARE SIA DAVVERO POSSIBILE? SINDROME DI DOWN E CURA: PARE SIA DAVVERO POSSIBILE? Nell'uomo vi sono 23 coppie di cromosomi, tra cui due cromosomi sessuali, per un totale di...
IL PERIODO DI VITA FERTILE DI UNA DONNA DIPENDE DALL’ETA’ DELLA MADRE AL MOMENTO DELLA MENOPAUSA IL PERIODO DI VITA FERTILE DI UNA DONNA DIPENDE DALL’ETA’ DELLA MADRE AL MOMENTO DELLA MENOPAUSA Uno studio pubblicato su Human Reproduction da un gruppo di ricercatori guidati da Janne B...
Harmony test: la nuova frontiera dell'analisi prenatale Harmony test: la nuova frontiera dell'analisi prenatale Si chiama Harmony il nuovo test prenatale che si sta pian piano sostituendo alla famosa am...
LEGGE 40: DAL 2009 E’ TUTTO PIU’ LECITO. Dal maggio 2009 parte della legge 40 sulla fecondazione assistita è stata abrogata. Molti ...
Carne bianca o carne rossa? Quelle più “pallide” fanno meglio! Le recenti Linee Guida del Ministero della Salute per un’alimentazione bilanciata raccoman...
"L’uomo è ciò che mangia": da Feuerbach alla Nutrigenomica Che il cibo fosse correlato allo stato di salute è evidentissimo, ma questa ipotesi è stat...
RISCHI E PREVENZIONE NELL'INFERTILITA' DA FATTORE MASCHILE RISCHI E PREVENZIONE NELL'INFERTILITA' DA FATTORE MASCHILE L’infertilità di coppia rappresenta un importante problema sociale e sanitario che coinvo...
L’ANDROPAUSA NON ESISTE MA LA QUALITA’ DEL LIQUIDO NON E’ SEMPRE LA STESSA! Un uomo, a differenza di una donna, non ha un tempo limitato per procreare ecco perché una...
Voglio un bimbo! Qual è il periodo giusto per provarci? Il periodo fertile varia da donna a donna in rapporto alla durata del ciclo mestruale ma, ...
IL BISFENOLO A NEI CONTENITORI ALIMENTARI METTE KO LA FERTILITA’! IL BISFENOLO A NEI CONTENITORI ALIMENTARI METTE KO LA FERTILITA’! Il bisfenolo A, conosciuto anche come BPA, è il composto organico più utilizzato nella pro...
 Associazione Fertilità onlus
CENTRO MEDICO BIOLOGICO TECNOMED
ASS.A.I. - ASSOCIAZIONE ANDROLOGI ITALIANI