Rischi di aborto nei primi tre mesi della gravidanza

 
E-mail Stampa PDF

minaccia_aborto_1Nelle prime settimane di gravidanza si possono avvertire dei dolori pelvici, a volte accompagnati da perdite di sangue. Questo evento, peraltro piuttosto frequente, è fonte di ansia. E' motivo di apprensione per tutte le donne, specialmente nel caso in cui la gravidanza sia stata un traguardo faticosamente raggiunto, magari attraverso un percorso di procreazione medicalmente assistita oppure si siano verificati numerosi aborti spontanei (poliabortività).

In generale, in molti di questi casi, soprattutto quando i disturbi sono di lieve entità, si tratta di un falso allarme. La gravidanza non si è interrotta, ma è in pericolo, ovvero si è verificata una minaccia d’aborto. Inoltre, nel caso di gravidanze gemellari come noto più frequenti a seguito di ricorso a tecniche di riproduzione assistita, può accadere che questi sintomi riflettano la perdita di uno degli embrioni, mentre l’altro o gli altri sono al sicuro.

La manifestazione dell’aborto in atto si distingue da quella della minaccia d’aborto per l’intensità dei disturbi. Dolori pelvici lievi e sopportabili associati a scarse perdite di sangue scuro sono tipici della minaccia d’aborto. Invece, in caso di aborto in atto i dolori pelvici sono violenti e le perdite di sangue, di solito rosso vivo, abbondanti. In ogni caso, alla comparsa dei primi dolori e perdite di sangue è di fondamentale importanza contattare immediatamente il proprio ginecologo. Lo specialista attraverso la visita e gli accertamenti che riterrà opportuno fare, potrà stabilire la corretta diagnosi.

minaccia_aborto_2Nelle fasi più precoci di gravidanza, quando ancora non è possibile accertare ecograficamente la vitalità del prodotto del concepimento, il monitoraggio seriato (più esami nel tempo) della gonadotropina corionica umana (BhCG) permette di stabilire se la gravidanza sta andando avanti oppure no. Un valore di BhCG che raddoppia ogni 2 giorni depone per una gravidanza in regolare evoluzione.

Non si deve dimenticare che in questi casi un prezioso contributo alla diagnosi è dato dall’ecografia. Questo esame, da richiedere sempre in caso di comparsa di dolori pelvici e/o perdite di sangue, come anche previsto dalle ultime Linee Guida della SIEOG (Società Italiana di Ecografia Ostetrica e Ginecologica) redatte nel 2006, se eseguito da personale altamente qualificato è in grado di fornire informazioni di grandissima utilità. Un valido operatore per le profonde ripercussioni sul piano psicologico, deve vantare non solo una buona esperienza tecnica, ma anche, e soprattutto, di un'esperienza "umana", plasmata dal desiderio di comprendere e star vicino alla donna. Solo così sarà possibile fornire un’assistenza di alto livello.

Tecnicamente l’esame, da eseguire fino alla decima settimana preferibilmente per via transvaginale, consente di visualizzare non solo la presenza della camera gestazionale nella cavità uterina, ma anche quella dell’embrione. L'ecografia transvaginale non è nociva alla gravidanza!  A partire dalla settima settimana di gravidanza, lo stesso esame permette di rilevare la presenza dell’attività cardiaca. Con gli apparecchi di ultimissima generazione, disponibili solo nei centri più all’avanguardia, si possono osservare anche le più piccole aree di disaccollamento subcoriale che, con l’ausilio della tecnica Power Doppler, possono essere con certezza distinte dai vasi del piatto placentare. E' quindi oramai diventato possibile definire il quadro con altissima precisione, presupposto questo essenziale ai fini della corretta gestione di queste situazioni.

Se gli esami effettuati confermano che i sintomi riguardano una minaccia d’aborto, il ginecologo, dopo aver formulato la corretta diagnosi, dovrà impostare un’adeguata terapia, consigliando solitamente il riposo a letto ed un supporto ormonale a base di progesterone o altri farmaci. In concomitanza è necessario parlare con la paziente, ascoltare le sue paure e fare di tutto per sciogliere l’ansia e le preoccupazioni che spesso affliggono queste future mamme.

Tags:
 

Altri Articoli - Riproduzione

Prof.Iorio, dieta mediterranea, attività fisica, abolizione/riduzione di fumo e alcool e un uso oculato di omega-3 combattono lo stress ossidativo mantenendo vitali e in buona salute i gameti
riprova
Corso del Prof. Claudio Manna "Come gestire la Coppia Infertile e collaborare con un Centro PMA" svoltosi a Roma, 21 dicembre 2012

Blastocisti e PGs sempre buone tecniche?

Quanti embrioni arrivano dopo 5 giorni di coltura a blastocisti? Si calcola circa il 50% da un recente lavoro scientifico su queste tecniche con una percentuale di gravidanze cliniche del 14% per Pick-Up. I nostri risultati (Centro Biofertility 2016) senza coltura a blastocisti o PGs ci hanno mostrato un tasso di gravidanze clinico del 32% per Pick-Up
riprova

“Sembra una stella cadente….!”

embriotransfer scritta
Prof.Claudio Manna

News

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
ABORTO SPONTANEO RICORRENTE: SI SCOPRE UNA CORRELAZIONE CON IL FATTORE VEGF. ABORTO SPONTANEO RICORRENTE: SI SCOPRE UNA CORRELAZIONE CON IL FATTORE VEGF. Il fattore di crescita dell’endotelio o VEGF è una proteina coinvolta nella formazione di ...
I GRASSI SATURI DANNEGGIANO LA QUALITA' DEL LIQUIDO SEMINALE I GRASSI SATURI DANNEGGIANO LA QUALITA' DEL LIQUIDO SEMINALE Secondo uno studio pubblicato sull’ American Journal of Clinical Nutrition, quantità ecc...
SINDROME DI DOWN E CURA: PARE SIA DAVVERO POSSIBILE? SINDROME DI DOWN E CURA: PARE SIA DAVVERO POSSIBILE? Nell'uomo vi sono 23 coppie di cromosomi, tra cui due cromosomi sessuali, per un totale di...
IL PERIODO DI VITA FERTILE DI UNA DONNA DIPENDE DALL’ETA’ DELLA MADRE AL MOMENTO DELLA MENOPAUSA IL PERIODO DI VITA FERTILE DI UNA DONNA DIPENDE DALL’ETA’ DELLA MADRE AL MOMENTO DELLA MENOPAUSA Uno studio pubblicato su Human Reproduction da un gruppo di ricercatori guidati da Janne B...
Harmony test: la nuova frontiera dell'analisi prenatale Harmony test: la nuova frontiera dell'analisi prenatale Si chiama Harmony il nuovo test prenatale che si sta pian piano sostituendo alla famosa am...
LEGGE 40: DAL 2009 E’ TUTTO PIU’ LECITO. Dal maggio 2009 parte della legge 40 sulla fecondazione assistita è stata abrogata. Molti ...
Carne bianca o carne rossa? Quelle più “pallide” fanno meglio! Le recenti Linee Guida del Ministero della Salute per un’alimentazione bilanciata raccoman...
"L’uomo è ciò che mangia": da Feuerbach alla Nutrigenomica Che il cibo fosse correlato allo stato di salute è evidentissimo, ma questa ipotesi è stat...
RISCHI E PREVENZIONE NELL'INFERTILITA' DA FATTORE MASCHILE RISCHI E PREVENZIONE NELL'INFERTILITA' DA FATTORE MASCHILE L’infertilità di coppia rappresenta un importante problema sociale e sanitario che coinvo...
L’ANDROPAUSA NON ESISTE MA LA QUALITA’ DEL LIQUIDO NON E’ SEMPRE LA STESSA! Un uomo, a differenza di una donna, non ha un tempo limitato per procreare ecco perché una...
Voglio un bimbo! Qual è il periodo giusto per provarci? Il periodo fertile varia da donna a donna in rapporto alla durata del ciclo mestruale ma, ...
IL BISFENOLO A NEI CONTENITORI ALIMENTARI METTE KO LA FERTILITA’! IL BISFENOLO A NEI CONTENITORI ALIMENTARI METTE KO LA FERTILITA’! Il bisfenolo A, conosciuto anche come BPA, è il composto organico più utilizzato nella pro...
 Associazione Fertilità onlus
CENTRO MEDICO BIOLOGICO TECNOMED
ASS.A.I. - ASSOCIAZIONE ANDROLOGI ITALIANI