Come classificare l'endometriosi

 
E-mail Stampa PDF

endometrioni_3La diagnosi certa di endometriosi si raggiunge solo con l’esame istologico delle lesioni sospette. Il prelievo bioptico dei tessuti e delle zone probabilmente interessate da endometriosi si esegue durante l’intervento chirurgico. La tecnica più indicata per affrontare questa patologia è senza dubbio la laparoscopia, un'operazione poco invasiva che consente contemporaneamente la visione diretta delle lesioni, la stadiazione dell’endometriosi (cioè la descrizione della sua gravità) e l’eventuale terapia nel momento stesso in cui si fa la diagnosi. Anche se il quadro clinico e la visione diretta delle lesioni sono spesso molto suggestive per la diagnosi di endometriosi, la cosa fondamentale è sempre la conferma istologica dell’endometriosi stessa da parte dell’anatomo-patologo, poiché a volte il quadro macroscopico non corrisponde a quello istologico.

Tanto meno sono affidabili certe ipotesi che superficialmente vengono suggerite e si è portati a credere come diagnosi definitiva, una specie di marchio che viene apposto magari da una semplice ecografia. Quante donne si portano per anni la paura o la certezza di avere l’endometriosi solo perché qualche medico da un’ecografia ha pronunciato la parola endometriosi come ipotesi diagnostica! La paura di avere questa malattia la rende certa nell’immaginario della paziente e sarà difficile poi eliminarla dalla mente.

La laparoscopia e altre tecniche chirurgiche non solo danno la possibilità di fare la diagnosi di endometriosi pelvica per le inconfondibili caratteristiche macroscopiche della malattia (lesione di colore rosso, marrone, porpora, nere, spandimenti emorragici, aderenze fra organi, ecc….), ma permettono anche di classificare la gravità e l’estensione dell’endometriosi, elemento quest’ultimo indispensabile per definirne il corretto trattamento.

endometriosi_mediaNegli ultimi decenni sono state proposte da parte di diversi studiosi ed istituzioni molte classificazioni dell’endometriosi al fine di favorire una sua univoca descrizione dal punto di vista della refertazione operatoria per tutti i ginecologi del mondo. La più usata è quella rivisitata nel 1985 dall’American Fertility Society (AFS), divenuta nel 1997 American Society of Reproductive Medicine (ASRM), che classifica la malattia in 4 stadi. La determinazione dello stadio o grado di coinvolgimento endometriosico si basa su un sistema a punteggio differenziato.

Al fine di assicurare una completa valutazione della malattia viene raccomandata l’ispezione della pelvi con il laparoscopio in senso prima orario e poi antiorario. Dovranno essere annotati il numero, la dimensione le localizzazioni dei focolai endometriosici (placche, noduli endometriosici, cisti endometriosiche, aderenze , ecc..). Anche le aderenze (cicatrici che legano un organo con un altro) vengono prese in considerazione per completare lo stadio o gravità dell’endometriosi. I punti assegnati dovranno essere indicati con un cerchio sulla scheda e sommati; la somma dei punti definisce lo stadio della malattia.

Secondo la classificazione dell'American Fertility Society (AFS) abbiamo:

1° stadio: malattia minima (punteggio tra 1 e 5 punti), endometriosi superficiale e aderenze sottili

2° stadio: malattia lieve (punteggio tra 6 e 15 punti), endometriosi superficiale e profonda, aderenze sottili

3° stadio: malattia moderata (punteggio tra 16 e 40 punti), endometriosi superficiale e profonda, aderenze sottili e tenaci

4° stadio: malattia severa (punteggio > 40 punti), endometriosi profonda e superficiale, aderenze tenaci.

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Twitter: @Claudio_Manna

 

Altri Articoli - Riproduzione

“Sembra una stella cadente….!”

embriotransfer scritta
Prof.Claudio Manna

News

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
ABORTO SPONTANEO RICORRENTE: SI SCOPRE UNA CORRELAZIONE CON IL FATTORE VEGF. ABORTO SPONTANEO RICORRENTE: SI SCOPRE UNA CORRELAZIONE CON IL FATTORE VEGF. Il fattore di crescita dell’endotelio o VEGF è una proteina coinvolta nella formazione di ...
I GRASSI SATURI DANNEGGIANO LA QUALITA' DEL LIQUIDO SEMINALE I GRASSI SATURI DANNEGGIANO LA QUALITA' DEL LIQUIDO SEMINALE Secondo uno studio pubblicato sull’ American Journal of Clinical Nutrition, quantità ecc...
SINDROME DI DOWN E CURA: PARE SIA DAVVERO POSSIBILE? SINDROME DI DOWN E CURA: PARE SIA DAVVERO POSSIBILE? Nell'uomo vi sono 23 coppie di cromosomi, tra cui due cromosomi sessuali, per un totale di...
IL PERIODO DI VITA FERTILE DI UNA DONNA DIPENDE DALL’ETA’ DELLA MADRE AL MOMENTO DELLA MENOPAUSA IL PERIODO DI VITA FERTILE DI UNA DONNA DIPENDE DALL’ETA’ DELLA MADRE AL MOMENTO DELLA MENOPAUSA Uno studio pubblicato su Human Reproduction da un gruppo di ricercatori guidati da Janne B...
Harmony test: la nuova frontiera dell'analisi prenatale Harmony test: la nuova frontiera dell'analisi prenatale Si chiama Harmony il nuovo test prenatale che si sta pian piano sostituendo alla famosa am...
LEGGE 40: DAL 2009 E’ TUTTO PIU’ LECITO. Dal maggio 2009 parte della legge 40 sulla fecondazione assistita è stata abrogata. Molti ...
Carne bianca o carne rossa? Quelle più “pallide” fanno meglio! Le recenti Linee Guida del Ministero della Salute per un’alimentazione bilanciata raccoman...
"L’uomo è ciò che mangia": da Feuerbach alla Nutrigenomica Che il cibo fosse correlato allo stato di salute è evidentissimo, ma questa ipotesi è stat...
RISCHI E PREVENZIONE NELL'INFERTILITA' DA FATTORE MASCHILE RISCHI E PREVENZIONE NELL'INFERTILITA' DA FATTORE MASCHILE L’infertilità di coppia rappresenta un importante problema sociale e sanitario che coinvo...
L’ANDROPAUSA NON ESISTE MA LA QUALITA’ DEL LIQUIDO NON E’ SEMPRE LA STESSA! Un uomo, a differenza di una donna, non ha un tempo limitato per procreare ecco perché una...
Voglio un bimbo! Qual è il periodo giusto per provarci? Il periodo fertile varia da donna a donna in rapporto alla durata del ciclo mestruale ma, ...
IL BISFENOLO A NEI CONTENITORI ALIMENTARI METTE KO LA FERTILITA’! IL BISFENOLO A NEI CONTENITORI ALIMENTARI METTE KO LA FERTILITA’! Il bisfenolo A, conosciuto anche come BPA, è il composto organico più utilizzato nella pro...
 Associazione Fertilità onlus
CENTRO MEDICO BIOLOGICO TECNOMED
ASS.A.I. - ASSOCIAZIONE ANDROLOGI ITALIANI