Uso delle blastocisti nella PMA, un mito da sfatare

 
E-mail Stampa PDF

blastocistiMolti pazienti che si sottopongono a tecniche di fecondazione assistita e soprattutto chi ha avuto fallimenti precedenti, chiedono il transfer di embrioni allo stadio di “blastocisti”. La blastocisti è quello stadio dell’embrione che si forma in seguito alle prime divisioni cellulari, in genere dopo 5 giorni dalla fecondazione.

E’ anche la fase nella quale dovrebbe iniziare il processo dell’impianto dell’embrione nell’endometrio. Le cellule sono diventate numerose (oltre 32) con uno strato più esterno di cellule, il trofoblasto, che ne contiene un gruppo più interno (inner cell mass), detto embrioblasto, ed un piccolo volume di fluido (blastocele).

E’ noto che gli embrioni, se e quando, arrivano allo stadio di blastocisti, hanno una percentuale di impianto maggiore che negli stadi più precoci. Per questa ragione è naturale pensare che trasferire gli embrioni come blastocisti sia meglio.

Ma quanti embrioni arrivano allo stadio di blastocisti? Sicuramente una minoranza, costituita dagli embrioni più vitali tra tutti quelli che si formano dopo la fecondazione: mediamente 1 su 5 (ed ancora meno quando l’età della donna è elevata).

Così il rischio che da un gruppo di ovociti raccolti con il pick-up (prelievo ovocitario) non si formi alcun embrione allo stadio di blastocisti è molto elevato. Bisogna anche pensare che da 6 ovociti raccolti è probabile che se ne fecondino 4 o 5. In questo caso insorgerebbe quasi certamente il problema di trasferire embrioni che dopo 5 giorni sono indietro nello sviluppo ed hanno un basso potenziale di impianto.

Inoltre, una parte della letteratura sostiene che gli embrioni trasferiti in utero dopo 2 giorni dalla fecondazione si sarebbero sviluppati meglio in utero arrivando così più facilmente allo stadio di blastocisti. Questa è infatti la seconda questione da porsi. L’utero è sicuramente un incubatore migliore, molto più performante di quelli artificiali perché mantiene meglio e più stabilmente le condizioni ambientali ideali per lo sviluppo degli embrioni, specialmente quando l’età della donna è avanzata.

Ma allora perché alcuni centri riportano risultati così buoni con il transfer di blastocisti? La risposta è semplice. Questi centri usano nelle loro statistiche donne abbastanza giovani che producono molti ovociti e di conseguenza molti embrioni. Dopo 5 giorni di sviluppo, per selezione naturale è probabile che qualche blastocisti si sia formata. Così anzi, è possibile anche ridurre la percentuale di gravidanze multiple, perché si trasferirebbero solo 1 o 2 blastocisti. Qualcun'altra che si fosse formata può essere nel frattempo crioconservata

Una strategia perfetta che si realizza in realtà con una selezione degli embrioni, eliminando cioè quelli che non si sarebbero trasformati in blastocisti nell’incubatore, ma che forse lo avrebbero fatto nell’utero.

In molti laboratori, infatti, si sta tornando ad accorciare i tempi di coltura embrionale per salvaguardare da uno stress eccessivo ovociti ed embrioni più fragili come quelli provenienti da donne in età avanzata. In Italia infatti l’età media delle donne che desiderano un figlio si è elevata sensibilmente. In definitiva un duro colpo al mito della blastocisti.

 

 

Altri Articoli - Riproduzione

Prof.Iorio, dieta mediterranea, attività fisica, abolizione/riduzione di fumo e alcool e un uso oculato di omega-3 combattono lo stress ossidativo mantenendo vitali e in buona salute i gameti
riprova
Corso del Prof. Claudio Manna "Come gestire la Coppia Infertile e collaborare con un Centro PMA" svoltosi a Roma, 21 dicembre 2012

Blastocisti e PGs sempre buone tecniche?

Quanti embrioni arrivano dopo 5 giorni di coltura a blastocisti? Si calcola circa il 50% da un recente lavoro scientifico su queste tecniche con una percentuale di gravidanze cliniche del 14% per Pick-Up. I nostri risultati (Centro Biofertility 2016) senza coltura a blastocisti o PGs ci hanno mostrato un tasso di gravidanze clinico del 32% per Pick-Up
riprova

News

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
ABORTO SPONTANEO RICORRENTE: SI SCOPRE UNA CORRELAZIONE CON IL FATTORE VEGF. ABORTO SPONTANEO RICORRENTE: SI SCOPRE UNA CORRELAZIONE CON IL FATTORE VEGF. Il fattore di crescita dell’endotelio o VEGF è una proteina coinvolta nella formazione di ...
I GRASSI SATURI DANNEGGIANO LA QUALITA' DEL LIQUIDO SEMINALE I GRASSI SATURI DANNEGGIANO LA QUALITA' DEL LIQUIDO SEMINALE Secondo uno studio pubblicato sull’ American Journal of Clinical Nutrition, quantità ecc...
SINDROME DI DOWN E CURA: PARE SIA DAVVERO POSSIBILE? SINDROME DI DOWN E CURA: PARE SIA DAVVERO POSSIBILE? Nell'uomo vi sono 23 coppie di cromosomi, tra cui due cromosomi sessuali, per un totale di...
IL PERIODO DI VITA FERTILE DI UNA DONNA DIPENDE DALL’ETA’ DELLA MADRE AL MOMENTO DELLA MENOPAUSA IL PERIODO DI VITA FERTILE DI UNA DONNA DIPENDE DALL’ETA’ DELLA MADRE AL MOMENTO DELLA MENOPAUSA Uno studio pubblicato su Human Reproduction da un gruppo di ricercatori guidati da Janne B...
Harmony test: la nuova frontiera dell'analisi prenatale Harmony test: la nuova frontiera dell'analisi prenatale Si chiama Harmony il nuovo test prenatale che si sta pian piano sostituendo alla famosa am...
LEGGE 40: DAL 2009 E’ TUTTO PIU’ LECITO. Dal maggio 2009 parte della legge 40 sulla fecondazione assistita è stata abrogata. Molti ...
Carne bianca o carne rossa? Quelle più “pallide” fanno meglio! Le recenti Linee Guida del Ministero della Salute per un’alimentazione bilanciata raccoman...
"L’uomo è ciò che mangia": da Feuerbach alla Nutrigenomica Che il cibo fosse correlato allo stato di salute è evidentissimo, ma questa ipotesi è stat...
RISCHI E PREVENZIONE NELL'INFERTILITA' DA FATTORE MASCHILE RISCHI E PREVENZIONE NELL'INFERTILITA' DA FATTORE MASCHILE L’infertilità di coppia rappresenta un importante problema sociale e sanitario che coinvo...
L’ANDROPAUSA NON ESISTE MA LA QUALITA’ DEL LIQUIDO NON E’ SEMPRE LA STESSA! Un uomo, a differenza di una donna, non ha un tempo limitato per procreare ecco perché una...
Voglio un bimbo! Qual è il periodo giusto per provarci? Il periodo fertile varia da donna a donna in rapporto alla durata del ciclo mestruale ma, ...
IL BISFENOLO A NEI CONTENITORI ALIMENTARI METTE KO LA FERTILITA’! IL BISFENOLO A NEI CONTENITORI ALIMENTARI METTE KO LA FERTILITA’! Il bisfenolo A, conosciuto anche come BPA, è il composto organico più utilizzato nella pro...
 Associazione Fertilità onlus
CENTRO MEDICO BIOLOGICO TECNOMED
ASS.A.I. - ASSOCIAZIONE ANDROLOGI ITALIANI