Metodi contraccettivi naturali: il metodo billings

 
E-mail Stampa PDF

 

Attraverso il muco presente in vagina è possibile capire quali sono i giorni fertili. Ma non è un metodo semplice da imparare

 

billings

Quello Billings un metodo contraccettivo naturale basato sull'osservazione dell’aumento di produzione del muco cervicale che precede l'ovulazione da parte delle cellule della cervice uterina. I fisiologici cambiamenti del muco cervicale durante il ciclo mestruale consentono di determinare i giorni fertili. I cambiamenti del muco riflettono, infatti, le modificazioni ormonali che avvengono nel ciclo di ogni donna. Considerando che l’ambiente vaginale è acido e generalmente avverso al seme dell’uomo, che invece ha un Ph tendenzialmente basico, la natura ha fatto sì che durante l’ovulazione il muco diventi meno acido, più filante e trasparente. Questo cambiamento è un espediente che la natura ha messo in atto per facilitare l’ascesa degli spermatozoi verso l’ovulo della donna.

Subito dopo le mestruazioni la vagina è più asciutta e questo determina il periodo poco favorevole per la fertilità. A seguire compare il primo muco ma è poco fluido, pastoso e generalmente sempre ostile agli spermatozoi. Nonostante questo, la gravidanza può verificarsi perché questo periodo con una vagina meno ostile agli spermatozoi inizia ad essere minimamente fertile. Nel momento in cui il muco diventa leggermente più filante e meno pastoso la fertilità aumenta ancora. Il periodo successivo definito di “massima fertilità” si ha quando il muco è trasparente, quasi liquido (“a chiara d’uovo”) e la vagina è molto lubrificata. La donna è in ovulazione e se la gravidanza non entra in atto nei giorni successivi all’ovulazione il muco subisce un involuzione con una vagina che torna ad essere asciutta. Termina così il suo periodo infertile. I giorni di massima produzione di muco iniziano in periodo pre-ovulatorio e terminano 2-3 giorni dopo l'ovulazione. E' vero però che non tutte le donne lo avvertono e sono in grado di interpretare correttamente queste variazioni del muco. A volte la correlazione temporale tra "muco" e "ovulazione" non è costante ed attendibile. Considerando il periodo di massima fertilità tra il primo giorno della presenza di muco filante e i successivi quattro giorni dopo l’ultimo giorno della presenza dello stesso, questo arco di tempo può essere preso come momento atto ad evitare una gravidanza o adatto a cercarne una. In pratica in un ciclo di 28 giorni questo intervallo va dal 10° al 16° giorno del ciclo con il 12° che rappresenta quello con la massima filanza e quantità del muco cervicale. Anche se già al 14° giorno il muco si è ridotto molti spermatozoi giunti con i rapporti dei giorni precedenti si trovano nelle cripte del canale cervicale e di là risalgono ad ondate nella cavità uterina.

Esistono però alcuni fattori che interferiscono con il rilievo del muco vaginale alterandolo e non rendendo attendibili i rilievi fatti dalla donna: ad esempio le infezioni vaginali, la presenza di piaghette al collo dell’utero o ectropion, l’uso di alcuni farmaci (in particolare gli antistaminici), gli ovuli vaginali, le lavande vaginali e l’uso di spermicidi o di lubrificanti. Fare molta attenzione al liquido seminale che può eventualmente essere confuso con le secrezioni vaginali. La personale capacità della donna di osservare e di avere confidenza con il proprio corpo determina il limite di questo metodo contraccettivo. Molte volte esso può essere messo in pratica usandolo contemporaneamente con altri metodi naturali come la temperatura basale o i vari test di ovulazione che si trovano in commercio in tutte le farmacie.

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 

Altri Articoli - Riproduzione

Prof.Iorio, dieta mediterranea, attività fisica, abolizione/riduzione di fumo e alcool e un uso oculato di omega-3 combattono lo stress ossidativo mantenendo vitali e in buona salute i gameti
riprova
Corso del Prof. Claudio Manna "Come gestire la Coppia Infertile e collaborare con un Centro PMA" svoltosi a Roma, 21 dicembre 2012

Blastocisti e PGs sempre buone tecniche?

Quanti embrioni arrivano dopo 5 giorni di coltura a blastocisti? Si calcola circa il 50% da un recente lavoro scientifico su queste tecniche con una percentuale di gravidanze cliniche del 14% per Pick-Up. I nostri risultati (Centro Biofertility 2016) senza coltura a blastocisti o PGs ci hanno mostrato un tasso di gravidanze clinico del 32% per Pick-Up
riprova

“Sembra una stella cadente….!”

embriotransfer scritta
Prof.Claudio Manna

News

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
ABORTO SPONTANEO RICORRENTE: SI SCOPRE UNA CORRELAZIONE CON IL FATTORE VEGF. ABORTO SPONTANEO RICORRENTE: SI SCOPRE UNA CORRELAZIONE CON IL FATTORE VEGF. Il fattore di crescita dell’endotelio o VEGF è una proteina coinvolta nella formazione di ...
I GRASSI SATURI DANNEGGIANO LA QUALITA' DEL LIQUIDO SEMINALE I GRASSI SATURI DANNEGGIANO LA QUALITA' DEL LIQUIDO SEMINALE Secondo uno studio pubblicato sull’ American Journal of Clinical Nutrition, quantità ecc...
SINDROME DI DOWN E CURA: PARE SIA DAVVERO POSSIBILE? SINDROME DI DOWN E CURA: PARE SIA DAVVERO POSSIBILE? Nell'uomo vi sono 23 coppie di cromosomi, tra cui due cromosomi sessuali, per un totale di...
IL PERIODO DI VITA FERTILE DI UNA DONNA DIPENDE DALL’ETA’ DELLA MADRE AL MOMENTO DELLA MENOPAUSA IL PERIODO DI VITA FERTILE DI UNA DONNA DIPENDE DALL’ETA’ DELLA MADRE AL MOMENTO DELLA MENOPAUSA Uno studio pubblicato su Human Reproduction da un gruppo di ricercatori guidati da Janne B...
Harmony test: la nuova frontiera dell'analisi prenatale Harmony test: la nuova frontiera dell'analisi prenatale Si chiama Harmony il nuovo test prenatale che si sta pian piano sostituendo alla famosa am...
LEGGE 40: DAL 2009 E’ TUTTO PIU’ LECITO. Dal maggio 2009 parte della legge 40 sulla fecondazione assistita è stata abrogata. Molti ...
Carne bianca o carne rossa? Quelle più “pallide” fanno meglio! Le recenti Linee Guida del Ministero della Salute per un’alimentazione bilanciata raccoman...
"L’uomo è ciò che mangia": da Feuerbach alla Nutrigenomica Che il cibo fosse correlato allo stato di salute è evidentissimo, ma questa ipotesi è stat...
RISCHI E PREVENZIONE NELL'INFERTILITA' DA FATTORE MASCHILE RISCHI E PREVENZIONE NELL'INFERTILITA' DA FATTORE MASCHILE L’infertilità di coppia rappresenta un importante problema sociale e sanitario che coinvo...
L’ANDROPAUSA NON ESISTE MA LA QUALITA’ DEL LIQUIDO NON E’ SEMPRE LA STESSA! Un uomo, a differenza di una donna, non ha un tempo limitato per procreare ecco perché una...
Voglio un bimbo! Qual è il periodo giusto per provarci? Il periodo fertile varia da donna a donna in rapporto alla durata del ciclo mestruale ma, ...
IL BISFENOLO A NEI CONTENITORI ALIMENTARI METTE KO LA FERTILITA’! IL BISFENOLO A NEI CONTENITORI ALIMENTARI METTE KO LA FERTILITA’! Il bisfenolo A, conosciuto anche come BPA, è il composto organico più utilizzato nella pro...
 Associazione Fertilità onlus
CENTRO MEDICO BIOLOGICO TECNOMED
ASS.A.I. - ASSOCIAZIONE ANDROLOGI ITALIANI