Gravidanza, a chi rivolgersi per un parto sicuro

 
E-mail Stampa PDF

sala-partoCosa debbono sapere una donna, una coppia o una famiglia sull’organizzazione dell’assistenza alla gravidanza nel proprio territorio? Come orientarsi bene, cioè, verso i luoghi appropriati alla situazione in cui la donna gravida si potrebbe trovare? Queste sono le domande che goni donna incinta deve porsi allo scopo di prevenire problemi.

Un sistema organizzativo capace di garantire un’assistenza prenatale efficace ed efficiente necessita di servizi specialistici sul territorio (consultori, ambulatori pubblici e privati) e di punti nascita nelle strutture ospedaliere in cui, ad ogni parto, venga garantito un livello appropriato di assistenza. In Italia l’offerta dei servizi ospedalieri ostetrici e neonatologici è articolata in tre livelli funzionali definiti anzitutto sulla base di requisiti organizzativi, strutturali e tecnologici delle strutture; ma anche sulla base del numero e della qualifica del personale di assistenza. Anche il numero minimo di parti che una struttura è capace di svolgere in un anno fa parte dei criteri di assegnazione di un certo livello funzionale. Infatti solo chi svolge un determinato numero minimo di parti ha un’esperienza e mezzi sufficienti a garantire un certo standard di sicurezza soprattutto quando si presenta una situazione ostetrica complicata.

Nell’unità ospedaliera di I LIVELLO vengono assistite gravidanze e parti non complicati che si prevede terminino con la nascita di un neonato sano (non affetto da nessuna patologia). Queste strutture possono assistere parti di età gestazionale superiori alle 35 settimane compiute e confermate al momento del ricovero in ospedale. Queste, inoltre, devono effettuare almeno 500 parti durante l’anno e devono essere collegate con le Unità di II e/o III Livello.

L’unità ospedaliera di II LIVELLO invece deve accogliere almeno 1000 parti l’anno e deve essere in grado di assistere gravidanze e parti a rischio nonché tutti i neonati patologici che non rientrano nel III Livello di cura. Dovrebbe garantire inoltre l’assistenza del neonato di basso peso o di età gestazionale inferiore alle 35 settimane compiute, purché di peso maggiore ai 1500g e/o con età gestazionale superiore alle 32 settimane del neonato che presenta patologie e che richieda un’osservazione costante o cure speciali senza bisogno di cure intensive neonatali.

Laddove poi esistano condizioni ottimali e appurate, in termini di casistica, attrezzature, organici e competenze, i limiti del peso neonatale e dell’età gestazionale per l’assistenza in strutture di II livello diventano rispettivamente maggiori di 1250 grammi e superiori alle 30 settimane. Questo tipo di strutture vengono riconosciute come unità ospedaliera di II LIVELLO “+”.

La struttura ospedaliera di III LIVELLO, invece, è un’unità in cui si attuano almeno 1500 parti l’anno, in grado di assistere gravidanze e parti a rischio elevato, ovvero tutti i nati patologici inclusi quelli bisognosi di terapia intensiva e/o sub intensiva neonatale (TIN). Dovrebbe garantire l’assistenza a gravidanze di neonati di età gestazionale inferiore alle 32 settimane o di peso inferiore ai 1500 grammi.

Le Unità di III livello non possono assistere solo parti di neonati bisognosi di cure intensive e/o sub intensive ma devono garantire anche il I livello (cure di base) ed il II livello (cure speciali), sia ostetriche che neonatologiche. La presenza di Unità di III Livello neonatologico senza un Unità di III livello ostetrica, è da ritenersi un’anomalia.

Il III Livello di assistenza neonatale comprende la terapia intensiva neonatale (TIN) con almeno 6 posti letto (incubatrici e culle di cure intermedie) ma non inferiore a 4 e la terapia sub-intensiva con un numero di posti letto almeno pari a quelli della TIN.

Possiamo concludere dicendo che l’organizzazione del territorio dovrebbe prevedere l’interazione continua tra strutture ospedaliere di I-II-III livello per garantire così una continuità assistenziale sia ostetrica che neonatale, in grado di far fronte a qualsiasi tipo di evento medico avverso.

Ma facciamo un esempio pratico. Se ad una donna in gravidanza si rompe improvvisamente il sacco amniotico prima della 32esima settimana di gravidanza o da precedenti ecografie risulta che il peso del feto è inferiore a 1500 grammi, non deve recarsi o essere trasportata in strutture di I e II livello ma solo di III! Fondamentale, perciò, è la conoscenza del livello di assistenza posseduti dagli ospedali ai quali ci si potrebbe rivolgere.

Livello di assistenza Settimana di gravidanza e parto Condizioni e peso neonato Parti per anno
1° livello ≥ 35 settimane Sano senza patologie Almeno 500
2° livello < 35 settimane a basso rischio

Patologico che non necessita di TIN,

peso >1500 gr e/o > 32 settimane

Almeno 1000
3° livello < 32 settimane ad alto rischio

Patologico che necessita di TIN,

peso < 1500 gr e/o < 32 settimane

Almeno 1500
 

Altri Articoli - Riproduzione

“Sembra una stella cadente….!”

embriotransfer scritta
Prof.Claudio Manna

News

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
ABORTO SPONTANEO RICORRENTE: SI SCOPRE UNA CORRELAZIONE CON IL FATTORE VEGF. ABORTO SPONTANEO RICORRENTE: SI SCOPRE UNA CORRELAZIONE CON IL FATTORE VEGF. Il fattore di crescita dell’endotelio o VEGF è una proteina coinvolta nella formazione di ...
I GRASSI SATURI DANNEGGIANO LA QUALITA' DEL LIQUIDO SEMINALE I GRASSI SATURI DANNEGGIANO LA QUALITA' DEL LIQUIDO SEMINALE Secondo uno studio pubblicato sull’ American Journal of Clinical Nutrition, quantità ecc...
SINDROME DI DOWN E CURA: PARE SIA DAVVERO POSSIBILE? SINDROME DI DOWN E CURA: PARE SIA DAVVERO POSSIBILE? Nell'uomo vi sono 23 coppie di cromosomi, tra cui due cromosomi sessuali, per un totale di...
IL PERIODO DI VITA FERTILE DI UNA DONNA DIPENDE DALL’ETA’ DELLA MADRE AL MOMENTO DELLA MENOPAUSA IL PERIODO DI VITA FERTILE DI UNA DONNA DIPENDE DALL’ETA’ DELLA MADRE AL MOMENTO DELLA MENOPAUSA Uno studio pubblicato su Human Reproduction da un gruppo di ricercatori guidati da Janne B...
Harmony test: la nuova frontiera dell'analisi prenatale Harmony test: la nuova frontiera dell'analisi prenatale Si chiama Harmony il nuovo test prenatale che si sta pian piano sostituendo alla famosa am...
LEGGE 40: DAL 2009 E’ TUTTO PIU’ LECITO. Dal maggio 2009 parte della legge 40 sulla fecondazione assistita è stata abrogata. Molti ...
Carne bianca o carne rossa? Quelle più “pallide” fanno meglio! Le recenti Linee Guida del Ministero della Salute per un’alimentazione bilanciata raccoman...
"L’uomo è ciò che mangia": da Feuerbach alla Nutrigenomica Che il cibo fosse correlato allo stato di salute è evidentissimo, ma questa ipotesi è stat...
RISCHI E PREVENZIONE NELL'INFERTILITA' DA FATTORE MASCHILE RISCHI E PREVENZIONE NELL'INFERTILITA' DA FATTORE MASCHILE L’infertilità di coppia rappresenta un importante problema sociale e sanitario che coinvo...
L’ANDROPAUSA NON ESISTE MA LA QUALITA’ DEL LIQUIDO NON E’ SEMPRE LA STESSA! Un uomo, a differenza di una donna, non ha un tempo limitato per procreare ecco perché una...
Voglio un bimbo! Qual è il periodo giusto per provarci? Il periodo fertile varia da donna a donna in rapporto alla durata del ciclo mestruale ma, ...
IL BISFENOLO A NEI CONTENITORI ALIMENTARI METTE KO LA FERTILITA’! IL BISFENOLO A NEI CONTENITORI ALIMENTARI METTE KO LA FERTILITA’! Il bisfenolo A, conosciuto anche come BPA, è il composto organico più utilizzato nella pro...
 Associazione Fertilità onlus
CENTRO MEDICO BIOLOGICO TECNOMED
ASS.A.I. - ASSOCIAZIONE ANDROLOGI ITALIANI