Depressione post-partum, un male che colpisce anche i papà

 
E-mail Stampa
depressione-4Partiamo dal presupposto che la depressione, come nel lutto o nella separazione, è una condizione psicopatologica inevitabile, in qualsiasi fase della vita nella quale ci scontriamo con un problema, per lo più grave. Ognuno la affronta con modalità ed intensità differenti, ma sempre il confronto con la sofferenza è potenzialmente ricco di dinamiche, davanti alle quali anche la persona più forte caratterialmente, vacilla. Pertanto, se diamo per assunto che la depressione sia legata ad un quadro multifattoriale, dove l’umore è uno dei protagonisti ad essere alterato, possiamo concludere che è alquanto complesso anche il percorso per individuare gli elementi sui quali fare leva per uscire e ritornare ad una condizione di vita accettabile. Uno dei problemi più rilevanti legato alla depressione è la visione totalmente oscura, buia, di qualsiasi opportunità di miglioramento o di positività nella propria vita, tale da creare veri e propri presupposti per il fallimento di ogni relazione (umana, professionale, amicale, amorosa) prima ancora che essa si realizzi o si manifesti.

A questo punto, verrebbe da chiedersi: “Come mai la nascita di un figlio, per un uomo, possa portare con sé i germi della depressione?”. E ancora: “Se il compito enorme di responsabilità nel portare con sé in grembo il piccolo lo ha avuto la donna, che tipologia di frustrazione può avere un uomo che ha contribuito sì, ma non in modo così pregnante e stressante come la donna?”.

In realtà, responsabilità e stress non sono i soli elementi che vanno presi in considerazione quando un nuovo essere si affaccia nella vita dei genitori. Anche di quelli che in modo forte, intenso, desideravano non esser più una ‘semplice’ coppia, ma finalmente un papà ed una mamma. Innanzitutto una nuova, differente epoca di vita si affaccia e coinvolge i due novelli genitori, riparametrando svariati punti fermi che si avevano fino a quel momento. Tra di questi, è opportuno ricordare che è la variabile “tempo” a richiedere una depressione-2riorganizzazione. Ciò che un tempo si faceva in due, occorre pensarlo in modo da coinvolgere una terza persona, bisognosa di attenzioni e di stimoli continui. Inoltre, metaforicamente, si passa da una condizione nella quale si era visti come marito e moglie, fidanzato e fidanzata, compagno e compagna, ad una nuova condizione che impone nuovi schemi mentali: quella di padre e di madre. Lo scambio diadico che fino a quel momento poteva vedere inserito al primo posto il partner evolve in scambio a tre. Ed è a questo punto che si inserisce la nuova condizione depressa del padre.

Quella esclusività che il marito/fidanzato/compagno poteva sentirsi garantita e costante, può venir meno, poiché da un lato gli interessi del bambino e dall’altro la cura della madre (allattamento, in primo luogo), sottraggono attenzioni e momenti di intimità, tali da cominciare a far sentire all’uomo una sensazione quasi da “terzo incomodo”. Subentra una sorta di ‘gelosia’, davanti alla quale l’uomo si ritrova inserito da un lato in una situazione dove sente di avere esigenze affettive oramai ridottesi di molto, ma dall’altro non può ribellarsi al nuovo status quo perché lederebbe la corretta crescita e sviluppo del figlio , anche attraverso un far depressione-1del male alla compagna, colpevolizzandola.

Questa situazione, di tremendo stallo ed incapacità di svincolo, crea isolamento innanzitutto mentale da parte dell’uomo, davanti al quale la depressione è innanzitutto sintomo e poi concreta malattia.

Sicuramente è richiesto ad entrambi i partner di non esasperare ed ostentare un controllo rigido e stereotipato nei confronti della loro nuova prospettiva di vita, di non trascurare quei bisogni della coppia (intimità, socialità, relazionalità) che comunque servono a crescere, questa volta con un gusto in più. Quello di donare attenzioni ad un essere frutto della volontà di costruire e mettersi in discussione.

 

Altri Articoli - Sessuologia e Psicologia

"Un 'altro tentativo fallito, un altro dolore da soffocare..." - Il diario della Fecondazione Assistita 1

Le emozioni di una paziente che ha vissuto la sua infertilità "sine causa" o inspiegata e tutte le terapie fatte, compresi i tanti tentativi di inseminazione intrauterina, fivet, icsi.
riprova
IV Corso Medicina della Riproduzione-Roma, 27 Maggio 2014
IV Corso Medicina della Riproduzione "Infertilità Inspiegata"

Diagnosi di infertilità: come reagisce la coppia?

Dr. Tatiana De Santis

riprova

News

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
ABORTO SPONTANEO RICORRENTE: SI SCOPRE UNA CORRELAZIONE CON IL FATTORE VEGF. ABORTO SPONTANEO RICORRENTE: SI SCOPRE UNA CORRELAZIONE CON IL FATTORE VEGF. Il fattore di crescita dell’endotelio o VEGF è una proteina coinvolta nella formazione di ...
I GRASSI SATURI DANNEGGIANO LA QUALITA' DEL LIQUIDO SEMINALE I GRASSI SATURI DANNEGGIANO LA QUALITA' DEL LIQUIDO SEMINALE Secondo uno studio pubblicato sull’ American Journal of Clinical Nutrition, quantità ecc...
SINDROME DI DOWN E CURA: PARE SIA DAVVERO POSSIBILE? SINDROME DI DOWN E CURA: PARE SIA DAVVERO POSSIBILE? Nell'uomo vi sono 23 coppie di cromosomi, tra cui due cromosomi sessuali, per un totale di...
IL PERIODO DI VITA FERTILE DI UNA DONNA DIPENDE DALL’ETA’ DELLA MADRE AL MOMENTO DELLA MENOPAUSA IL PERIODO DI VITA FERTILE DI UNA DONNA DIPENDE DALL’ETA’ DELLA MADRE AL MOMENTO DELLA MENOPAUSA Uno studio pubblicato su Human Reproduction da un gruppo di ricercatori guidati da Janne B...
Harmony test: la nuova frontiera dell'analisi prenatale Harmony test: la nuova frontiera dell'analisi prenatale Si chiama Harmony il nuovo test prenatale che si sta pian piano sostituendo alla famosa am...
LEGGE 40: DAL 2009 E’ TUTTO PIU’ LECITO. Dal maggio 2009 parte della legge 40 sulla fecondazione assistita è stata abrogata. Molti ...
Carne bianca o carne rossa? Quelle più “pallide” fanno meglio! Le recenti Linee Guida del Ministero della Salute per un’alimentazione bilanciata raccoman...
"L’uomo è ciò che mangia": da Feuerbach alla Nutrigenomica Che il cibo fosse correlato allo stato di salute è evidentissimo, ma questa ipotesi è stat...
RISCHI E PREVENZIONE NELL'INFERTILITA' DA FATTORE MASCHILE RISCHI E PREVENZIONE NELL'INFERTILITA' DA FATTORE MASCHILE L’infertilità di coppia rappresenta un importante problema sociale e sanitario che coinvo...
L’ANDROPAUSA NON ESISTE MA LA QUALITA’ DEL LIQUIDO NON E’ SEMPRE LA STESSA! Un uomo, a differenza di una donna, non ha un tempo limitato per procreare ecco perché una...
Voglio un bimbo! Qual è il periodo giusto per provarci? Il periodo fertile varia da donna a donna in rapporto alla durata del ciclo mestruale ma, ...
IL BISFENOLO A NEI CONTENITORI ALIMENTARI METTE KO LA FERTILITA’! IL BISFENOLO A NEI CONTENITORI ALIMENTARI METTE KO LA FERTILITA’! Il bisfenolo A, conosciuto anche come BPA, è il composto organico più utilizzato nella pro...
 Associazione Fertilità onlus
CENTRO MEDICO BIOLOGICO TECNOMED
ASS.A.I. - ASSOCIAZIONE ANDROLOGI ITALIANI