Cibo e sessualità nei disturbi del comportamento alimentare

 
E-mail Stampa

BOTERO_NUDOSono diversi i fattori che predispongono un individuo a sviluppare un Disturbo del Comportamento Alimentare (DCA). Essere una donna è uno di questi. Tendenzialmente una donna è molto più soggetta al culto della magrezza rispetto all’uomo. Anche l'età gioca un ruolo decisivo. In genere i disturbi del comportamento sono più frequenti in persone che hanno un'età compresa tra i 15 ed i 35 anni. Vi sono anche altre cause frequenti dei disturbi nel comportamento alimentare. Tra queste:

  • Soffrire di disturbi depressivi, ed il fatto di avere certe caratteristiche di personalità.
  • Essere in sovrappeso, in quanto si è visto che molti DCA iniziano con una dieta restrittiva in queste persone.
  • Avere una famiglia in cui il peso e la forma fisica sono considerati come problemi importanti.
  • Avere subito abusi sessuali nell'infanzia o nella adolescenza. Si è infatti riscontrata una incidenza, statisticamente significativa, di abusi in pazienti con DCA.
  • Essere cresciuti in una famiglia che non ha trasmesso sufficientemente la fiducia in se stessi, l'autostima, la capacità di riconoscere ed elaborare le emozioni.

cioccolato-alimentazioneMolti genitori, al giorno d'oggi, si preoccupano per tutte quelle problematiche riconducibili ai disturbi alimentari, pensando spesso che questa categoria sia fine a se stessa e non correlata ad altre problematiche di personalità. Alle parole ‘disturbo’ e ‘alimentare' si è data una tale attenzione negli ultimi anni che non è inusuale trovare genitori che si chiedano se c'è qualcosa di sbagliato, quando notano un cambiamento nel comportamento o nel modello alimentare del figlio/a.

Nella maggior parte degli studi epidemiologici degli ultimi tempi si è notato un aumento della frequenza dei disturbi del comportamento alimentare tra gli studenti, sia delle scuole medie inferiori che superiori. A seconda dei diversi studi, la frequenza varia tra il 2% ed il 10%, dipendendo dal tipo di popolazione studiata e dai criteri diagnostici utilizzati. Questo ha portato a pensare ad una "epidemia sociale moderna" soprattutto riferita ad anoressia e bulimia. Molte le ipotesi per giustificare questo sviluppo.

anoressiaIl disturbo del comportamento alimentare, oltre all’alterato senso della fame e della sazietà, è caratterizzato dalle età nelle quali problemi alimentari si presentano, coincidendo spesso con le età della pubertà o comunque del cambiamento sessuale in termini di sviluppo. Il desiderio di dimagrire, per la gran parte presente nella popolazione giovanile femminile, nonostante la presenza di un peso corretto, può far pensare ad un acritico adeguamento a modelli sociali prestabiliti o ad una fragilità psicologica inquietante, al punto che, alcuni autori, come ad esempio Rosen (Rosen, D.S., & Neumark-Sztainer, D. (1998). Review of options for primary prevention of eating disturbances among adolescents. Society for Adolescent Medicine, 23(6), 354-363), hanno ipotizzato che nei paesi ad impronta anglosassone, la pressione sociale per il dimagrimento è talmente forte, che questa potrebbe legarsi fortemente alla genesi di problemi sull’immagine corporea (dismorfofobia) e, di conseguenza, determinare alterazioni finanche del vissuto e dell’attività sessuale che strettamente risulta connessa al complesso vivere e viversi il corpo.

Il cibo, inoltre, non è solo una fonte di calorie e di elementi indispensabili alla funzionalità dell'organismo. Serve pure a soddisfare le esigenze più disparate, spesso contraddittorie, come sostitutivo di un desiderio insaziabile d'amore o espressione di rabbia e di odio. Può sostituire il piacere sessuale o indicarne il diniego, può rappresentare la fantasia di possedere l'organo maschile o quella della maternità. Può anche offrire un senso di potere infinito o può esprimere un rifiuto delle responsabilità adulte. Può inoltre servire a riempire un vuoto affettivo, a placare l'angoscia prima che diventi panico, un voler tapparsi la bocca per proibirsi di dire cose troppo sconvolgenti, o persino un rifiuto dell'identità femminile.

Se ne deduce, quindi, che il cibo ha vari significati:

  • psicosomatico (come confusione tra emozioni e sensazioni),
  • regressivo, (come consolazione in personalità infantili),
  • difensivo (come protezione),
  • liberatorio (come spazio in un mondo pieno di obblighi e conformismo).
  • consolatorio/compensatorio (cibo riempitivo di vuoto esistenziale/palliativo del sesso),
  • aggressivo (come sfogo della rabbia),
  • reattivo (come conseguenza a forti stress)
 

Altri Articoli - Sessuologia e Psicologia

Blastocisti e PGs sempre buone tecniche?

Quanti embrioni arrivano dopo 5 giorni di coltura a blastocisti? Si calcola circa il 50% da un recente lavoro scientifico su queste tecniche con una percentuale di gravidanze cliniche del 14% per Pick-Up. I nostri risultati (Centro Biofertility 2016) senza coltura a blastocisti o PGs ci hanno mostrato un tasso di gravidanze clinico del 32% per Pick-Up
riprova

Diagnosi di infertilità: come reagisce la coppia?

Dr. Tatiana De Santis

riprova

“Sembra una stella cadente….!”

embriotransfer scritta
Prof.Claudio Manna

News

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
ABORTO SPONTANEO RICORRENTE: SI SCOPRE UNA CORRELAZIONE CON IL FATTORE VEGF. ABORTO SPONTANEO RICORRENTE: SI SCOPRE UNA CORRELAZIONE CON IL FATTORE VEGF. Il fattore di crescita dell’endotelio o VEGF è una proteina coinvolta nella formazione di ...
I GRASSI SATURI DANNEGGIANO LA QUALITA' DEL LIQUIDO SEMINALE I GRASSI SATURI DANNEGGIANO LA QUALITA' DEL LIQUIDO SEMINALE Secondo uno studio pubblicato sull’ American Journal of Clinical Nutrition, quantità ecc...
SINDROME DI DOWN E CURA: PARE SIA DAVVERO POSSIBILE? SINDROME DI DOWN E CURA: PARE SIA DAVVERO POSSIBILE? Nell'uomo vi sono 23 coppie di cromosomi, tra cui due cromosomi sessuali, per un totale di...
IL PERIODO DI VITA FERTILE DI UNA DONNA DIPENDE DALL’ETA’ DELLA MADRE AL MOMENTO DELLA MENOPAUSA IL PERIODO DI VITA FERTILE DI UNA DONNA DIPENDE DALL’ETA’ DELLA MADRE AL MOMENTO DELLA MENOPAUSA Uno studio pubblicato su Human Reproduction da un gruppo di ricercatori guidati da Janne B...
Harmony test: la nuova frontiera dell'analisi prenatale Harmony test: la nuova frontiera dell'analisi prenatale Si chiama Harmony il nuovo test prenatale che si sta pian piano sostituendo alla famosa am...
LEGGE 40: DAL 2009 E’ TUTTO PIU’ LECITO. Dal maggio 2009 parte della legge 40 sulla fecondazione assistita è stata abrogata. Molti ...
Carne bianca o carne rossa? Quelle più “pallide” fanno meglio! Le recenti Linee Guida del Ministero della Salute per un’alimentazione bilanciata raccoman...
"L’uomo è ciò che mangia": da Feuerbach alla Nutrigenomica Che il cibo fosse correlato allo stato di salute è evidentissimo, ma questa ipotesi è stat...
RISCHI E PREVENZIONE NELL'INFERTILITA' DA FATTORE MASCHILE RISCHI E PREVENZIONE NELL'INFERTILITA' DA FATTORE MASCHILE L’infertilità di coppia rappresenta un importante problema sociale e sanitario che coinvo...
L’ANDROPAUSA NON ESISTE MA LA QUALITA’ DEL LIQUIDO NON E’ SEMPRE LA STESSA! Un uomo, a differenza di una donna, non ha un tempo limitato per procreare ecco perché una...
Voglio un bimbo! Qual è il periodo giusto per provarci? Il periodo fertile varia da donna a donna in rapporto alla durata del ciclo mestruale ma, ...
IL BISFENOLO A NEI CONTENITORI ALIMENTARI METTE KO LA FERTILITA’! IL BISFENOLO A NEI CONTENITORI ALIMENTARI METTE KO LA FERTILITA’! Il bisfenolo A, conosciuto anche come BPA, è il composto organico più utilizzato nella pro...
 Associazione Fertilità onlus
CENTRO MEDICO BIOLOGICO TECNOMED
ASS.A.I. - ASSOCIAZIONE ANDROLOGI ITALIANI