I vizi di gola, tra compensazioni affettive e sublimazioni sessuali

 
E-mail Stampa

golaLo psicologo Abraham Harold Maslow, nella sua famosa attività di studio sulla cosiddetta “Piramide dei bisogni”, identifica alla base di detta piramide i bisogni fisiologici e, tra i vari, proprio l’alimentazione (Maslow, Motivation and Personality, 1954). Ed accanto ad essa, un'ulteriore esigenza fisiologica, secondo lo studioso, è rappresentata dal sesso e dal suo potere fortemente capace di dare motivazione e sicurezza (confermato dal secondo livello della piramide). Maslow ci dà lo spunto per discutere su uno dei più controversi e, per certi versi piacevoli, vizi del genere umano: la gola.

La gola è un vizio che non finisce mai,
ed è quel vizio che cresce sempre
quanto più l'uomo invecchia.

(Carlo Goldoni, La bottega del caffé, 1750)

 

L’utilizzo del cibo come oggetto del piacere si perde nei secoli e nella letteratura latina abbiamo esempi dello sfarzo e del diletto legati all’alimentazione, come nelle “Cene di Trimalchione” del Satyricon. Spesso, poi, ci ritroviamo ad affrontare tematiche come i “cibi afrodisiaci” in grado di attivare chissà quali e quante capacità amatorie in uomini e donne. O ancora la cioccolata, come ausilio per il buonuomore e la positività.

piramide_maslowChiariamo subito che tutto l’ambito che si rifà al mangiare risiede in una zona specifica del nostro cervello, il sistema limbico. All’interno di questo, che viene tra l’altro chiamato anche “cervello emozionale”, esistono particolari strutture specificatamente deputate alla fame e alla sazietà, come l’ipotalamo. Emozione e alimentazione, dunque, vanno nell’essere umano fortemente in sintonia e un individuo, che sia in condizione di gioia o in condizione di tristezza, può facilmente arrivare a strumentalizzare ciò che mangia. Il cibo, in altre parole, diventa quello che noi gli attribuiamo come valore e, privandocene o abusandone, è come se volessimo comunicare alla carne una condizione che è presente nella nostra mente. Ecco perché anche nella religione, astenersi dal mangiare equivale ad un atto di purificazione dai desideri della carne.

Freud fu il primo a stabilire una forte connessione tra cibo e sesso, quando parlando di pulsioni, affermò che è insito nella natura umana la volontà di autoconservarsi (S. Freud, Opere, Boringhieri, Torino, 1989).

Ci sono degli studi scientifici che hanno provato la sussistenza di scarsi o addirittura nulle implicazioni sessuali nelle donne anoressiche ed invece forti risvolti erotico-sessuali nelle bulimiche (Waller, Perceived control in eating disorders: relationship with reported sexual abuse, Int J Eat Disord. 1998 Mar;23(2):213-6). Stando a questi studi, sarebbe lecito pensare che chi abusa di cibo, gratificando spesso la propria gola, non solo avrebbe un desiderio sessuale iperattivo, ma questa iperattività mentale si manifesterebbe in vere e proprie compulsioni sessuali.

cervelloLa gola ha un ulteriore aspetto che è qui lecito affrontare e con il quale spesso si trova a fare i conti: il senso di colpa. Tendenzialmente, chi è beatamente avvolto dal vizio della gola non ha alcuna intenzione di fare i conti con i sensi di colpa perché vive ogni momento conviviale come una gratificazione della mente, del gusto, della vista e, non sbaglieremmo nel dire, di tutti gli organi di senso di cui è stato dotato.

Concludendo, siamo convinti che una persona dovrebbe sempre comprendere se sta utilizzando il cibo come classico elemento atto a nutrire, oppure come sostituto di altre necessità, che possono andare dalla ‘semplice’ affettività, alla sessualità, all’accettazione di sé; domandandosi se queste compensazioni o sublimazioni siano oramai diventate un’abitudine quotidiana e, in tal caso, prendendo provvedimenti, rivolgendosi ad uno specialista.

 

Altri Articoli - Sessuologia e Psicologia

"Un 'altro tentativo fallito, un altro dolore da soffocare..." - Il diario della Fecondazione Assistita 1

Le emozioni di una paziente che ha vissuto la sua infertilità "sine causa" o inspiegata e tutte le terapie fatte, compresi i tanti tentativi di inseminazione intrauterina, fivet, icsi.
riprova
IV Corso Medicina della Riproduzione-Roma, 27 Maggio 2014
IV Corso Medicina della Riproduzione "Infertilità Inspiegata"

Diagnosi di infertilità: come reagisce la coppia?

Dr. Tatiana De Santis

riprova

News

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
ABORTO SPONTANEO RICORRENTE: SI SCOPRE UNA CORRELAZIONE CON IL FATTORE VEGF. ABORTO SPONTANEO RICORRENTE: SI SCOPRE UNA CORRELAZIONE CON IL FATTORE VEGF. Il fattore di crescita dell’endotelio o VEGF è una proteina coinvolta nella formazione di ...
I GRASSI SATURI DANNEGGIANO LA QUALITA' DEL LIQUIDO SEMINALE I GRASSI SATURI DANNEGGIANO LA QUALITA' DEL LIQUIDO SEMINALE Secondo uno studio pubblicato sull’ American Journal of Clinical Nutrition, quantità ecc...
SINDROME DI DOWN E CURA: PARE SIA DAVVERO POSSIBILE? SINDROME DI DOWN E CURA: PARE SIA DAVVERO POSSIBILE? Nell'uomo vi sono 23 coppie di cromosomi, tra cui due cromosomi sessuali, per un totale di...
IL PERIODO DI VITA FERTILE DI UNA DONNA DIPENDE DALL’ETA’ DELLA MADRE AL MOMENTO DELLA MENOPAUSA IL PERIODO DI VITA FERTILE DI UNA DONNA DIPENDE DALL’ETA’ DELLA MADRE AL MOMENTO DELLA MENOPAUSA Uno studio pubblicato su Human Reproduction da un gruppo di ricercatori guidati da Janne B...
Harmony test: la nuova frontiera dell'analisi prenatale Harmony test: la nuova frontiera dell'analisi prenatale Si chiama Harmony il nuovo test prenatale che si sta pian piano sostituendo alla famosa am...
LEGGE 40: DAL 2009 E’ TUTTO PIU’ LECITO. Dal maggio 2009 parte della legge 40 sulla fecondazione assistita è stata abrogata. Molti ...
Carne bianca o carne rossa? Quelle più “pallide” fanno meglio! Le recenti Linee Guida del Ministero della Salute per un’alimentazione bilanciata raccoman...
"L’uomo è ciò che mangia": da Feuerbach alla Nutrigenomica Che il cibo fosse correlato allo stato di salute è evidentissimo, ma questa ipotesi è stat...
RISCHI E PREVENZIONE NELL'INFERTILITA' DA FATTORE MASCHILE RISCHI E PREVENZIONE NELL'INFERTILITA' DA FATTORE MASCHILE L’infertilità di coppia rappresenta un importante problema sociale e sanitario che coinvo...
L’ANDROPAUSA NON ESISTE MA LA QUALITA’ DEL LIQUIDO NON E’ SEMPRE LA STESSA! Un uomo, a differenza di una donna, non ha un tempo limitato per procreare ecco perché una...
Voglio un bimbo! Qual è il periodo giusto per provarci? Il periodo fertile varia da donna a donna in rapporto alla durata del ciclo mestruale ma, ...
IL BISFENOLO A NEI CONTENITORI ALIMENTARI METTE KO LA FERTILITA’! IL BISFENOLO A NEI CONTENITORI ALIMENTARI METTE KO LA FERTILITA’! Il bisfenolo A, conosciuto anche come BPA, è il composto organico più utilizzato nella pro...
 Associazione Fertilità onlus
CENTRO MEDICO BIOLOGICO TECNOMED
ASS.A.I. - ASSOCIAZIONE ANDROLOGI ITALIANI