Genitori italiani? Troppo protettivi

 
E-mail Stampa

Nelle scorse settimane abbiamo visto alcune fobie che i genitori hanno nei confronti dei figli. Ciò che appare singolare è anche la persistenza storica di queste fobie nella nostra cultura e l’omogeneità con cui sono presenti in tutte le regioni del nostro paese. In questo insomma siamo davvero una nazione. Un elemento che rinforza molto i comportamenti che ho descritto è che la mamma italiana che volesse sfuggire a questa logica è fortemente ostacolata da uno stretto controllo sociale. Le poche che tentano di imitare le madri nordeuropee allentando il controllo assillante sui figli si sentono spesso giudicate dal contesto sociale, come stravaganti e “snaturate”.

Eppure l’eccesso di protezione che viene esercitato dai genitori qui da noi ha un impatto negativo, ben visibile già da quando i nostri bambini hanno meno di un anno. Ecco come questo impatto si rivela nei comportamenti usuali del bambino italiano nel mio studio, in un contesto cioè che non gli è perfettamente familiare, ma che comunque egli conosce già abbastanza bene e non dovrebbe sembrargli ostile :

1. Piange terrorizzato durante la visita, contrariamente a ciò che succede ai suoi coetanei nordamericani o nordeuropei, che sembrano fidarsi molto di più di se stessi e degli adulti al di fuori della famiglia. Anche quando supera questo terrore, generalmente ben oltre i due anni, vuole che la mamma o il papà gli tengano la mano mentre lo visito, non risponde alle mie domande, non mi saluta. Mi dà l’impressione di considerarmi una specie di orco

2. Anche dopo i tre anni ha difficoltà a lasciare i genitori anche solo per pochi minuti. Eppure potrebbe andare nella sala d’attesa piena di giochi, con una mia assistente a fargli compagnia, cosa che i coetanei nordeuropei e nordamericani fanno con entusiasmo, dimenticando volentieri i genitori che parlano con me.

3. Non si veste e sveste da solo fino ai sei, sette anni, quando i suoi coetanei nordamericani o nordeuropei lo fanno agevolmente già da quando ne avevano tre.

Inoltre nelle normali situazioni di vita, il bambnino italiano mostra difficoltà di adattamento maggiori degli altri:

4. E’ messo in crisi dalle novità (come l’asilo) molto più di quanto non lo siano i suoi coetanei nordeuropei e nordamericani.

5. Tollera meno le frustrazioni (come qualsiasi diniego), che lo spingono facilmente alla “disperazione”.

6. Pretende molte più attenzioni e aiuti di quanto se ne aspetti il tipico coetaneo nordeuropeo e nordamericano

Tutti, infine, possiamo osservare come nella nostra società la dipendenza dei figli dalle famiglie si protragga molto più a lungo che nelle società nordeuropee e nordamericane e come ciò provochi seri problemi sociali ed economici. Personalmente, insomma, credo che ci siano motivi sufficienti perché chi tiene al benessere dei nostri bambini si preoccupi e si adoperi a contrastare i fattori che causano la loro caratteristica vulnerabilità.

Ma cosa possiamo fare di concreto in questo senso? Noi pediatri dovremmo sfruttare al massimo l’opportunità unica che ci viene offerta dal semplice fatto di stare a stretto contatto con le famiglie, molto più di tanti altri specialisti. Credo che la base perche i genitori superino i pregiudizi responsabili delle loro fobie sia innanzitutto un’informazione moderna e scientificamente fondata. E’ per questo che, durante le visite quotidiane parlo molto a lungo con loro, tutto il tempo che reputo necessario, rischiando spesso di essere licenziato dalla mia segretaria per i ritardi che ciò comporta nel nostro ritmo di lavoro! Ed è sempre con lo stesso intento che ho scritto cinque libri e moltissimi articoli divulgativi. Ma la cosa più significativa che faccio da più di vent’anni in questo senso sono i miei corsi di parenting, che tengo regolarmente più volte all’anno nel mio studio. Con gruppi di genitori parlo di come comunicare meglio con i figli ed aiutarli a diventare indipendenti, responsabili, maturi. Capaci cioè di affrontare le difficoltà della vita e quindi in grado di realizzare i propri sogni, senza farsi condizionare da fobie e pregiudizi.

 

 

Altri Articoli - Sessuologia e Psicologia

“Sembra una stella cadente….!”

embriotransfer scritta
Prof.Claudio Manna

News

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
ABORTO SPONTANEO RICORRENTE: SI SCOPRE UNA CORRELAZIONE CON IL FATTORE VEGF. ABORTO SPONTANEO RICORRENTE: SI SCOPRE UNA CORRELAZIONE CON IL FATTORE VEGF. Il fattore di crescita dell’endotelio o VEGF è una proteina coinvolta nella formazione di ...
I GRASSI SATURI DANNEGGIANO LA QUALITA' DEL LIQUIDO SEMINALE I GRASSI SATURI DANNEGGIANO LA QUALITA' DEL LIQUIDO SEMINALE Secondo uno studio pubblicato sull’ American Journal of Clinical Nutrition, quantità ecc...
SINDROME DI DOWN E CURA: PARE SIA DAVVERO POSSIBILE? SINDROME DI DOWN E CURA: PARE SIA DAVVERO POSSIBILE? Nell'uomo vi sono 23 coppie di cromosomi, tra cui due cromosomi sessuali, per un totale di...
IL PERIODO DI VITA FERTILE DI UNA DONNA DIPENDE DALL’ETA’ DELLA MADRE AL MOMENTO DELLA MENOPAUSA IL PERIODO DI VITA FERTILE DI UNA DONNA DIPENDE DALL’ETA’ DELLA MADRE AL MOMENTO DELLA MENOPAUSA Uno studio pubblicato su Human Reproduction da un gruppo di ricercatori guidati da Janne B...
Harmony test: la nuova frontiera dell'analisi prenatale Harmony test: la nuova frontiera dell'analisi prenatale Si chiama Harmony il nuovo test prenatale che si sta pian piano sostituendo alla famosa am...
LEGGE 40: DAL 2009 E’ TUTTO PIU’ LECITO. Dal maggio 2009 parte della legge 40 sulla fecondazione assistita è stata abrogata. Molti ...
Carne bianca o carne rossa? Quelle più “pallide” fanno meglio! Le recenti Linee Guida del Ministero della Salute per un’alimentazione bilanciata raccoman...
"L’uomo è ciò che mangia": da Feuerbach alla Nutrigenomica Che il cibo fosse correlato allo stato di salute è evidentissimo, ma questa ipotesi è stat...
RISCHI E PREVENZIONE NELL'INFERTILITA' DA FATTORE MASCHILE RISCHI E PREVENZIONE NELL'INFERTILITA' DA FATTORE MASCHILE L’infertilità di coppia rappresenta un importante problema sociale e sanitario che coinvo...
L’ANDROPAUSA NON ESISTE MA LA QUALITA’ DEL LIQUIDO NON E’ SEMPRE LA STESSA! Un uomo, a differenza di una donna, non ha un tempo limitato per procreare ecco perché una...
Voglio un bimbo! Qual è il periodo giusto per provarci? Il periodo fertile varia da donna a donna in rapporto alla durata del ciclo mestruale ma, ...
IL BISFENOLO A NEI CONTENITORI ALIMENTARI METTE KO LA FERTILITA’! IL BISFENOLO A NEI CONTENITORI ALIMENTARI METTE KO LA FERTILITA’! Il bisfenolo A, conosciuto anche come BPA, è il composto organico più utilizzato nella pro...
 Associazione Fertilità onlus
CENTRO MEDICO BIOLOGICO TECNOMED
ASS.A.I. - ASSOCIAZIONE ANDROLOGI ITALIANI