Herpes genitale, malattia sottovalutata

 
E-mail Stampa

coppia_herpesIl numero dei casi di herpes genitale è in progressivo aumento, nonostante le campagne di informazione sulla trasmissione di malattie sessuali, come l'HIV. L' herpes genitale, infatti, rappresenta la causa più frequente di lesioni genitali ulcerative nei paesi sviluppati.

In diversi paesi, i casi di herpes genitale sono molto aumentati negli ultimi decenni. Questa crescita è desumibile innanzitutto da un indicatore indiretto quale l'incremento del numero di diagnosi cliniche o di visite mediche per questa patologia. In Inghilterra si è osservato un aumento del 410% di nuovi casi fra il 1977 ed il 1993; negli Stati Uniti un aumento del 1.000% nelle visite per herpes genitale fra il 1970 ed il 1995 ed un incremento del 420% di diagnosi di herpes neonatale tra i periodi 1962-65 e 1982-85; mentre in Nuova Zelanda un aumento del 410% nei nuovi casi di quella genitale fra il 1977 ed il 1993.

Accanto alla evidente crescita dei casi clinici che ricorrono all’osservazione medica, anche i dati relativi a studi basati sulla ricerca di anticorpi specifici, che sono presenti solo nelle persone che hanno contratto l’infezione, indicano una proporzione sempre più ampia di soggetti infetti nella popolazione.

In Italia l'herpes genitale non è incluso tra le malattie infettive sottoposte a denuncia obbligatoria e pertanto non esistono dati nazionali sull'incidenza di questa malattia. Gli unici dati disponibili provengono dal Sistema di Sorveglianza delle Malattie Sessualmente Trasmesse (MST), che riporta le diagnosi cliniche effettuate da 47 centri pubblici situati in tutto il territorio italiano, specializzati nella diagnosi e cura delle MST. In base a questi dati, i pazienti con herpes genitale costituiscono circa il 7% di tutte le MST che vengono segnalate, pari mediamente a circa 500 prime diagnosi di herpes genitale all'anno. In Italia, i dati relativi alla ricerca di anticorpi per HSV-2 mostrano, in adulti senza fattori di rischio specifici, prevalenze che oscillano tra il 3% (nei più giovani) al 18%. In soggetti ad alto rischio (con esposizione a rapporti sessuali non protetti), quali le persone che afferiscono ai centri MST, la percentuale di soggetti sieropositivi per HSV-2 è di oltre il 25%.

Le manifestazioni più gravi dell'infezione genitale da virus herpes simplex (HSV) si hanno in soggetti con immunità depressa o immatura come nel neonato. Il bebè è tra quegli individui in cui le manifestazioni cliniche dell'infezione sono le più gravi sia in termini di mortalità che di sequele importanti. La trasmissione dell'infezione è normalmente perinatale e dovuta al passaggio del neonato in un canale di parto infetto. Tra tutte le infezioni erpetiche, quella neonatale da HSV può essere più facilmente curata poiché, nella maggior parte dei casi, viene contratta alla nascita piuttosto che nelle fasi precoci della gravidanza.

L’herpes genitale è una malattia sottovalutata, che è da ritenersi una delle più importanti malattie sessualmente trasmesse, per le sue caratteristiche cliniche, per il fatto di ricorrere periodicamente e per le conseguenze che può avere soprattutto sul neonato. Il suo riconoscimento ed eventuali trattamenti terapeutici possono diminuirne sia la possibilità di trasmissione al partner che la gravità delle manifestazioni.

 

Altri Articoli - Sessuologia e Psicologia

"Un 'altro tentativo fallito, un altro dolore da soffocare..." - Il diario della Fecondazione Assistita 1

Le emozioni di una paziente che ha vissuto la sua infertilità "sine causa" o inspiegata e tutte le terapie fatte, compresi i tanti tentativi di inseminazione intrauterina, fivet, icsi.
riprova
IV Corso Medicina della Riproduzione-Roma, 27 Maggio 2014
IV Corso Medicina della Riproduzione "Infertilità Inspiegata"

Diagnosi di infertilità: come reagisce la coppia?

Dr. Tatiana De Santis

riprova

News

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
ABORTO SPONTANEO RICORRENTE: SI SCOPRE UNA CORRELAZIONE CON IL FATTORE VEGF. ABORTO SPONTANEO RICORRENTE: SI SCOPRE UNA CORRELAZIONE CON IL FATTORE VEGF. Il fattore di crescita dell’endotelio o VEGF è una proteina coinvolta nella formazione di ...
I GRASSI SATURI DANNEGGIANO LA QUALITA' DEL LIQUIDO SEMINALE I GRASSI SATURI DANNEGGIANO LA QUALITA' DEL LIQUIDO SEMINALE Secondo uno studio pubblicato sull’ American Journal of Clinical Nutrition, quantità ecc...
SINDROME DI DOWN E CURA: PARE SIA DAVVERO POSSIBILE? SINDROME DI DOWN E CURA: PARE SIA DAVVERO POSSIBILE? Nell'uomo vi sono 23 coppie di cromosomi, tra cui due cromosomi sessuali, per un totale di...
IL PERIODO DI VITA FERTILE DI UNA DONNA DIPENDE DALL’ETA’ DELLA MADRE AL MOMENTO DELLA MENOPAUSA IL PERIODO DI VITA FERTILE DI UNA DONNA DIPENDE DALL’ETA’ DELLA MADRE AL MOMENTO DELLA MENOPAUSA Uno studio pubblicato su Human Reproduction da un gruppo di ricercatori guidati da Janne B...
Harmony test: la nuova frontiera dell'analisi prenatale Harmony test: la nuova frontiera dell'analisi prenatale Si chiama Harmony il nuovo test prenatale che si sta pian piano sostituendo alla famosa am...
LEGGE 40: DAL 2009 E’ TUTTO PIU’ LECITO. Dal maggio 2009 parte della legge 40 sulla fecondazione assistita è stata abrogata. Molti ...
Carne bianca o carne rossa? Quelle più “pallide” fanno meglio! Le recenti Linee Guida del Ministero della Salute per un’alimentazione bilanciata raccoman...
"L’uomo è ciò che mangia": da Feuerbach alla Nutrigenomica Che il cibo fosse correlato allo stato di salute è evidentissimo, ma questa ipotesi è stat...
RISCHI E PREVENZIONE NELL'INFERTILITA' DA FATTORE MASCHILE RISCHI E PREVENZIONE NELL'INFERTILITA' DA FATTORE MASCHILE L’infertilità di coppia rappresenta un importante problema sociale e sanitario che coinvo...
L’ANDROPAUSA NON ESISTE MA LA QUALITA’ DEL LIQUIDO NON E’ SEMPRE LA STESSA! Un uomo, a differenza di una donna, non ha un tempo limitato per procreare ecco perché una...
Voglio un bimbo! Qual è il periodo giusto per provarci? Il periodo fertile varia da donna a donna in rapporto alla durata del ciclo mestruale ma, ...
IL BISFENOLO A NEI CONTENITORI ALIMENTARI METTE KO LA FERTILITA’! IL BISFENOLO A NEI CONTENITORI ALIMENTARI METTE KO LA FERTILITA’! Il bisfenolo A, conosciuto anche come BPA, è il composto organico più utilizzato nella pro...
 Associazione Fertilità onlus
CENTRO MEDICO BIOLOGICO TECNOMED
ASS.A.I. - ASSOCIAZIONE ANDROLOGI ITALIANI