Il viso per esprimere le emozioni

 
E-mail Stampa

Le espressioni del volto, diversamente dalle parole, non sono legate alla cultura ma sono universali

risataIl volto è il canale più rilevante della comunicazione non verbale. E’ particolarmente importante per l’espressione delle emozioni e degli atteggiamenti verso gli altri. Le espressioni del volto cambiano rapidamente e hanno una funzione fondamentale nell’interazione sociale. Sia i lineamenti che le espressioni della faccia sono interpretati come aspetti della personalità (Argyle M., Il corpo e il suo linguaggio, Zanichelli, 2002). Gli individui hanno la capacità di assumere, secondo un proprio gradimento, moltissime espressioni facciali differenti, ma esistono altresì dei ‘decodificatori’ specifici per specifiche situazioni.

Osgood nel 1966 domandò a 50 attori di assumere quaranta diverse espressioni facciali, ma scoprì che i giudici riuscivano a riconoscere solamente 8 emozioni (Osgood C.E., Dimensionality of semantic space for communication via facial expression, Scandinavian Journal of Psychology, 1966). Fu Ekman, nel 1982, ad isolare 6 più specifiche espressioni emozionali che elencò: 1) Felicità; 2) Sorpresa; 3) Paura; 4) Tristezza; 5) Collera; 6) Disgusto/Disprezzo (Ekman P., Emotion in the human face, 2nd edn., Cambridge University Press, 1982).

Sappiamo, infatti, che all'interno del viso esistono numerosi minimuscoli la cui stimolazione, a fronte di una emozione,muscoli-viso scatena una particolare modifica fino a perfettamente rappresentare all'esterno ciò che si sta sperimentando. Le emozioni legate al piacere (gioia, entusiasmo, cordialità), o legate alla sofferenza (dolore, disgusto, rabbia), ma anche quelle legate alla sorpresa o alla paura, sono appunto rappresentate nelle immagini presenti in questa trattazione.

Numerosi autori si sono interessati alle modifiche del volto e alla mimica facciale, sia legate alla singola zona che nell'insieme del viso, ma praticamente tutti concordano nel considerare che le emozioni facciali non hanno etnia o cultura specifica di appartenenza. In altre parole, che sia un africano, un giapponese o un italiano, il disgusto o la gioia vengono a rappresentarsi allo stesso modo, quando vengono espresse esternamente.

Ricordiamo anche il fatto che nel viso, e più genericamente nella testa, risiedono 4 dei 5 organi di senso e l'essere umano, attraverso lo sguardo, l'olfatto, la vista e l'udito, riesce a porsi nei confronti del mondo esterno assaporando ogni più minima stimolazione.

Ma i lineamenti del volto possono indurci, anche, a impressioni sulla personalità in modo preconcetto. Come faceva notare Secord se il viso di una persona è simile a quello di altre persone che si sono conosciute, può originare il presentimento che essa abbia una personalità altrettanto analoga (Secord P.F. et al., Personalities in Faces: an experiment in social perceiving, Genetic Psychology Monographs, 49; 231-79, 1959).

facce-espressioniSi possono, inoltre, trarre delle inferenze (totalmente da confermare) da specifiche sezioni del volto. E così si pensa che le fronti alte implichino la presenza di una notevole capacità intellettuale, labbra molto marcate e spesse possano appartenere a persone particolarmente abili nelle arti amatorie e del bacio.

Comunque, gli studi sulla codificazione delle espressioni mostrano che il sorriso è il miglior atto finalizzato a manifestare attrazione e complicità: infatti è vero che gli individui tanto più sorridono tanto più richiedono l’approvazione degli altri. Il sorriso è stato anche identificato come la modalità preferita da chi desidera stabilire un contatto empatico con l’interlocutore, facilitandone reazioni legate alla concordia o alla persuasione (Bayes, 1972; Mehrabian, 1972; Lefebvre, 1975).

(Riferimenti bibliografici delle foto: Pacori M., Come interpretare i messaggi del corpo, De Vecchi Editore)

 

Altri Articoli - Sessuologia e Psicologia

Blastocisti e PGs sempre buone tecniche?

Quanti embrioni arrivano dopo 5 giorni di coltura a blastocisti? Si calcola circa il 50% da un recente lavoro scientifico su queste tecniche con una percentuale di gravidanze cliniche del 14% per Pick-Up. I nostri risultati (Centro Biofertility 2016) senza coltura a blastocisti o PGs ci hanno mostrato un tasso di gravidanze clinico del 32% per Pick-Up
riprova

Diagnosi di infertilità: come reagisce la coppia?

Dr. Tatiana De Santis

riprova

“Sembra una stella cadente….!”

embriotransfer scritta
Prof.Claudio Manna

News

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
ABORTO SPONTANEO RICORRENTE: SI SCOPRE UNA CORRELAZIONE CON IL FATTORE VEGF. ABORTO SPONTANEO RICORRENTE: SI SCOPRE UNA CORRELAZIONE CON IL FATTORE VEGF. Il fattore di crescita dell’endotelio o VEGF è una proteina coinvolta nella formazione di ...
I GRASSI SATURI DANNEGGIANO LA QUALITA' DEL LIQUIDO SEMINALE I GRASSI SATURI DANNEGGIANO LA QUALITA' DEL LIQUIDO SEMINALE Secondo uno studio pubblicato sull’ American Journal of Clinical Nutrition, quantità ecc...
SINDROME DI DOWN E CURA: PARE SIA DAVVERO POSSIBILE? SINDROME DI DOWN E CURA: PARE SIA DAVVERO POSSIBILE? Nell'uomo vi sono 23 coppie di cromosomi, tra cui due cromosomi sessuali, per un totale di...
IL PERIODO DI VITA FERTILE DI UNA DONNA DIPENDE DALL’ETA’ DELLA MADRE AL MOMENTO DELLA MENOPAUSA IL PERIODO DI VITA FERTILE DI UNA DONNA DIPENDE DALL’ETA’ DELLA MADRE AL MOMENTO DELLA MENOPAUSA Uno studio pubblicato su Human Reproduction da un gruppo di ricercatori guidati da Janne B...
Harmony test: la nuova frontiera dell'analisi prenatale Harmony test: la nuova frontiera dell'analisi prenatale Si chiama Harmony il nuovo test prenatale che si sta pian piano sostituendo alla famosa am...
LEGGE 40: DAL 2009 E’ TUTTO PIU’ LECITO. Dal maggio 2009 parte della legge 40 sulla fecondazione assistita è stata abrogata. Molti ...
Carne bianca o carne rossa? Quelle più “pallide” fanno meglio! Le recenti Linee Guida del Ministero della Salute per un’alimentazione bilanciata raccoman...
"L’uomo è ciò che mangia": da Feuerbach alla Nutrigenomica Che il cibo fosse correlato allo stato di salute è evidentissimo, ma questa ipotesi è stat...
RISCHI E PREVENZIONE NELL'INFERTILITA' DA FATTORE MASCHILE RISCHI E PREVENZIONE NELL'INFERTILITA' DA FATTORE MASCHILE L’infertilità di coppia rappresenta un importante problema sociale e sanitario che coinvo...
L’ANDROPAUSA NON ESISTE MA LA QUALITA’ DEL LIQUIDO NON E’ SEMPRE LA STESSA! Un uomo, a differenza di una donna, non ha un tempo limitato per procreare ecco perché una...
Voglio un bimbo! Qual è il periodo giusto per provarci? Il periodo fertile varia da donna a donna in rapporto alla durata del ciclo mestruale ma, ...
IL BISFENOLO A NEI CONTENITORI ALIMENTARI METTE KO LA FERTILITA’! IL BISFENOLO A NEI CONTENITORI ALIMENTARI METTE KO LA FERTILITA’! Il bisfenolo A, conosciuto anche come BPA, è il composto organico più utilizzato nella pro...
 Associazione Fertilità onlus
CENTRO MEDICO BIOLOGICO TECNOMED
ASS.A.I. - ASSOCIAZIONE ANDROLOGI ITALIANI