L’invidia: lo strumento di distruzione della credibilità e della dignità della persona

 
E-mail Stampa

invidia_1L’invidia rappresenta oggi uno dei vizi capitali tra i più subdoli, perversi e distruttivi dell’altro e dell’altrui benessere. Questo anche perché, attraverso questo sentimento, insito nell’essere umano, si mira a destabilizzare gli equilibri, ponendo l’accento non sulle risorse che un individuo possiede in sé, ma costruendo la propria condizione a discapito dell’altro. L'invidia è un sentimento sicuramente negativo intimamente legato ad altre emozioni che si possono provare quando ci si confronta con altri individui: l’odio, il rancore, la rabbia. Sarà sempre assai difficile poter interagire con una persona invidiosa poiché la sua attenzione non sarà posta verso gli aspetti propositivi che chi possiede un bene, materiale o caratteriale, può suggerirci. Anzi, attraverso la lenta, sottile eliminazione della credibilità altrui, si potranno ottenere le attenzioni desiderate.

L’invidia, in effetti, è una delle forme di quel vizio,
in parte morale, in parte intellettuale,
che consiste nel non vedere mai le cose in se stesse,

ma soltanto in rapporto ad altre.
(Bertrand Russell, La Conquista della Felicità)

Ma il malessere che scaturisce da una persona invidiosa non è solo deleterio per chi prova questo sentimento. È avvilente anche in colui che, avendo raggiunto determinati risultati, merita siano sottolineati ed evidenziati.

Freud_34Già Freud aveva delineato alcuni aspetti legati all’invidia quando parlò della cosiddetta “invidia del pene” nella donna, nella sua teoria dello sviluppo della sessualità nell’uomo e nella donna (I 3 saggi sulla teoria sessuale", 1905). Corrispondente all’angoscia di castrazione nell’uomo, secondo il fondatore della Psicoanalisi, questa invidia apparterrebbe a quella fase, orientativamente tra i 3 ed i 6 anni, nella quale avviene il processo che porterà poi la bambina a identificarsi con la figura materna.

Altro elemento da non sottovalutare è che l’invidia in realtà potrebbe anche essere trasformata in pregio se si riuscisse a vivere l’altro non come persona da distruggere ma come persona da osservare, facendo proprie le capacità e riuscendo, infine, a raggiungere un personale traguardo in un qualsiasi aspetto della vita. La cosiddetta “sana competizione” ne è un esempio perché stimola a dare sempre il meglio di sé, non calpestando le velleità altrui.

Oggigiorno abbiamo numerosi esempi dell’invidia, come modalità lacerante e distruttiva della dignità. Assai spesso questa si nasconde dietro l’offesa o l’accusa, magari infondata, il vilipendio teso a screditare perché in realtà, non si possiedono capacità, competenze od opportunità per raggiungere gli stessi traguardi di chi ha successo nelle relazioni. Troviamo esempi in politica, nello spettacolo, ma anche nel mondo del lavoro. Addirittura l’invidia può configurarsi come la base di un tentativo di mobbing, con la precipua finalità di danneggiare e far sfigurare un collega o una collega, agli occhi dei superiori, fino a rovinare totalmente la sua reputazione.

La disintegrazione della dignità umana rappresenta uno dei massimi elementi di esclusione dalla società perché non è eliminazione corporea di un soggetto, ma polverizzazione della sua personalità. L’invidia non è punibile legalmente, ma permette a chi la sa gestire, sfruttare, dirigere, di rovinare stima, prestigio e credibilità del prossimo.

Zuenir Ventura, nel suo “L’invidia. Il mal segreto” (2007), sottolinea quanto questo sentimento sia machiavellico nella sua stessa esternazione. Infatti, pur essendone tutti, nessuno escluso, vittime, in realtà facciamo fatica ad ammettere di provarla con il risultato che molto spesso ce ne rendiamo conto quando ormai è troppo tardi e l’effetto si è palesato. EmozioniRisposteEsistono infine numerosi testi che rappresentano studi effettuati soprattutto in tema di comunicazione non verbale e, più specificatamente, analisi minuziose della mimica facciale alla ricerca (e scoperta) dei segnali inequivocabili della persona invidiosa. Tra questi citiamo: AA.Vv., What the Face Reveals: Basic and Applied Studies of Spontaneous Expression Using the Facial Action Coding System, Editore Paul Ekman; Erika L. Rosenberg; J.A. Russell, J. M. Fernàndez-Dols (a cura di), The psychology

of facial expression. Cambridge: Cambridge University Press (trad. it. Psicologia delle espressioni facciali. Trento: Centro Studi Erickson, 1998) e Paul Ekman, Emotion revealed, Orion Book, London, 2004.

Un'interessante risorsa online, direttamente legata allo studioso della comunicazione non verbale Paul Ekman, è possibile reperirla qui dove è possibile confrontarsi col riconoscimento di alcune delle emozioni più diffuse del genere umano.

 

Altri Articoli - Sessuologia e Psicologia

"Un 'altro tentativo fallito, un altro dolore da soffocare..." - Il diario della Fecondazione Assistita 1

Le emozioni di una paziente che ha vissuto la sua infertilità "sine causa" o inspiegata e tutte le terapie fatte, compresi i tanti tentativi di inseminazione intrauterina, fivet, icsi.
riprova
IV Corso Medicina della Riproduzione-Roma, 27 Maggio 2014
IV Corso Medicina della Riproduzione "Infertilità Inspiegata"

Diagnosi di infertilità: come reagisce la coppia?

Dr. Tatiana De Santis

riprova

News

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
ABORTO SPONTANEO RICORRENTE: SI SCOPRE UNA CORRELAZIONE CON IL FATTORE VEGF. ABORTO SPONTANEO RICORRENTE: SI SCOPRE UNA CORRELAZIONE CON IL FATTORE VEGF. Il fattore di crescita dell’endotelio o VEGF è una proteina coinvolta nella formazione di ...
I GRASSI SATURI DANNEGGIANO LA QUALITA' DEL LIQUIDO SEMINALE I GRASSI SATURI DANNEGGIANO LA QUALITA' DEL LIQUIDO SEMINALE Secondo uno studio pubblicato sull’ American Journal of Clinical Nutrition, quantità ecc...
SINDROME DI DOWN E CURA: PARE SIA DAVVERO POSSIBILE? SINDROME DI DOWN E CURA: PARE SIA DAVVERO POSSIBILE? Nell'uomo vi sono 23 coppie di cromosomi, tra cui due cromosomi sessuali, per un totale di...
IL PERIODO DI VITA FERTILE DI UNA DONNA DIPENDE DALL’ETA’ DELLA MADRE AL MOMENTO DELLA MENOPAUSA IL PERIODO DI VITA FERTILE DI UNA DONNA DIPENDE DALL’ETA’ DELLA MADRE AL MOMENTO DELLA MENOPAUSA Uno studio pubblicato su Human Reproduction da un gruppo di ricercatori guidati da Janne B...
Harmony test: la nuova frontiera dell'analisi prenatale Harmony test: la nuova frontiera dell'analisi prenatale Si chiama Harmony il nuovo test prenatale che si sta pian piano sostituendo alla famosa am...
LEGGE 40: DAL 2009 E’ TUTTO PIU’ LECITO. Dal maggio 2009 parte della legge 40 sulla fecondazione assistita è stata abrogata. Molti ...
Carne bianca o carne rossa? Quelle più “pallide” fanno meglio! Le recenti Linee Guida del Ministero della Salute per un’alimentazione bilanciata raccoman...
"L’uomo è ciò che mangia": da Feuerbach alla Nutrigenomica Che il cibo fosse correlato allo stato di salute è evidentissimo, ma questa ipotesi è stat...
RISCHI E PREVENZIONE NELL'INFERTILITA' DA FATTORE MASCHILE RISCHI E PREVENZIONE NELL'INFERTILITA' DA FATTORE MASCHILE L’infertilità di coppia rappresenta un importante problema sociale e sanitario che coinvo...
L’ANDROPAUSA NON ESISTE MA LA QUALITA’ DEL LIQUIDO NON E’ SEMPRE LA STESSA! Un uomo, a differenza di una donna, non ha un tempo limitato per procreare ecco perché una...
Voglio un bimbo! Qual è il periodo giusto per provarci? Il periodo fertile varia da donna a donna in rapporto alla durata del ciclo mestruale ma, ...
IL BISFENOLO A NEI CONTENITORI ALIMENTARI METTE KO LA FERTILITA’! IL BISFENOLO A NEI CONTENITORI ALIMENTARI METTE KO LA FERTILITA’! Il bisfenolo A, conosciuto anche come BPA, è il composto organico più utilizzato nella pro...
 Associazione Fertilità onlus
CENTRO MEDICO BIOLOGICO TECNOMED
ASS.A.I. - ASSOCIAZIONE ANDROLOGI ITALIANI