Le malattie sessualmente trasmesse ed il vissuto del rischio nei giovani

 
E-mail Stampa

ragazziEsistono due momenti di fondamentale importanza nella crescita di un individuo, corrispondenti ad altrettante possibili crisi esistenziali: la pubertà e l’adolescenza. In entrambi i casi si realizza una trasformazione sia a livello di vissuto che a livello di relazione con gli altri, di difficile interpretazione anche se risulta fondamentale la consapevolezza che questa trasformazione coinvolge l’intero sistema e la rete (famiglia, amici, studio).

Alla trasformazione corporea si unisce anche un complesso insieme di modificazioni caratteriali che prevedono una forte volontà di sperimentazione, di curiosità rispetto all’altro sesso. Il corpo che cambia insieme al cambiamento di esigenze, porta l’adolescente a mettersi in gioco anche in situazioni non particolarmente sicure, finanche pericolose. E’ soprattutto il sesso, come agito, che assume grande importanza perché l’adolescente non ha ancora gli strumenti idonei per riconoscere ciò che è esente da rischio da ciò che potrebbe rendere alquanto problematica la sua vita. In questo senso, e ciò non è solo presente nei giovani, avere questa consapevolezza non è ragionamento di facile realizzazione. In altre parole, si tende sempre a negare che qualcosa di grave possa accaderci a fronte di un nostro comportamento come se la malattia o la morte non fossero elementi capaci di entrare nella nostra quotidianità.

labbraEcco allora che un flagello come quello dell’AIDS, fortemente interconnesso con la tematica della morte, diventa una condizione troppo lontana, essendo invece tremendamente alla portata di tutti, perché tutti ne siamo potenzialmente protagonisti. E’ stato da più parti oramai riconosciuto, infatti, che da svariati anni non sono più le classiche categorie come gli omosessuali o i tossicodipendenti a rischiare il contagio, ma anche e soprattutto gli eterosessuali. Tra AIDS, adolescenti ed eterosessualità allora diventa cruciale un quarto elemento: la contraccezione.

Affinchè un comportamento possa realizzarsi, non è tanto importante realizzare corsi o formazione sulle malattie sessualmente trasmesse. Questi sono comunque importanti. E’ necessario, però, partire proprio da quelle che sono le maggiori difficoltà a riconoscere un pericolo da parte dell’adolescente. Capire quali sono i meccanismi cognitivi che impediscono una corretta valutazione di una situazione e portano l’individuo ad accettare il pericolo. Ancora di più, prima che partire con i consigli, con ricette preconfezionate, è necessario ascoltare i bisogni, quello che il giovane cerca. Se il comportamento vizioso lo si vuole trasformare in virtuoso occorre parlare il linguaggio dei giovani, perché assai spesso progetti anche molto articolati e strutturati, partono con una pericoloprospettiva che tutto analizza fuorché le loro strategie ed il loro vocabolario della comunicazione. Elementi che hanno una potenza dirompente perché possono creare una sorta di ‘alleanza terapeutica’ tra chi entra e chi già si trova nel mondo adolescenziale.

In tutto questo, anche Internet diventa un delicato argomento di analisi e discussione. Mentre un tempo, infatti, le modalità di incontro e di conoscenza del potenziale partner erano per lo più reali, oggi si assiste al boom della virtualità, ovvero della conoscenza prima ancora mediata dal computer (chat, social network, ecc.), con tutta una serie di incognite legate al tipo di vita, al carattere reale della persona, a quello che può offrire. Il rischio ancora una volta diventa quello di attribuire a chi ancora non si conosce tutta una serie di aspettative desiderate ma che purtroppo non sono corrispondenti al vero.

 

Altri Articoli - Sessuologia e Psicologia

"Un 'altro tentativo fallito, un altro dolore da soffocare..." - Il diario della Fecondazione Assistita 1

Le emozioni di una paziente che ha vissuto la sua infertilità "sine causa" o inspiegata e tutte le terapie fatte, compresi i tanti tentativi di inseminazione intrauterina, fivet, icsi.
riprova
IV Corso Medicina della Riproduzione-Roma, 27 Maggio 2014
IV Corso Medicina della Riproduzione "Infertilità Inspiegata"

Diagnosi di infertilità: come reagisce la coppia?

Dr. Tatiana De Santis

riprova

News

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
ABORTO SPONTANEO RICORRENTE: SI SCOPRE UNA CORRELAZIONE CON IL FATTORE VEGF. ABORTO SPONTANEO RICORRENTE: SI SCOPRE UNA CORRELAZIONE CON IL FATTORE VEGF. Il fattore di crescita dell’endotelio o VEGF è una proteina coinvolta nella formazione di ...
I GRASSI SATURI DANNEGGIANO LA QUALITA' DEL LIQUIDO SEMINALE I GRASSI SATURI DANNEGGIANO LA QUALITA' DEL LIQUIDO SEMINALE Secondo uno studio pubblicato sull’ American Journal of Clinical Nutrition, quantità ecc...
SINDROME DI DOWN E CURA: PARE SIA DAVVERO POSSIBILE? SINDROME DI DOWN E CURA: PARE SIA DAVVERO POSSIBILE? Nell'uomo vi sono 23 coppie di cromosomi, tra cui due cromosomi sessuali, per un totale di...
IL PERIODO DI VITA FERTILE DI UNA DONNA DIPENDE DALL’ETA’ DELLA MADRE AL MOMENTO DELLA MENOPAUSA IL PERIODO DI VITA FERTILE DI UNA DONNA DIPENDE DALL’ETA’ DELLA MADRE AL MOMENTO DELLA MENOPAUSA Uno studio pubblicato su Human Reproduction da un gruppo di ricercatori guidati da Janne B...
Harmony test: la nuova frontiera dell'analisi prenatale Harmony test: la nuova frontiera dell'analisi prenatale Si chiama Harmony il nuovo test prenatale che si sta pian piano sostituendo alla famosa am...
LEGGE 40: DAL 2009 E’ TUTTO PIU’ LECITO. Dal maggio 2009 parte della legge 40 sulla fecondazione assistita è stata abrogata. Molti ...
Carne bianca o carne rossa? Quelle più “pallide” fanno meglio! Le recenti Linee Guida del Ministero della Salute per un’alimentazione bilanciata raccoman...
"L’uomo è ciò che mangia": da Feuerbach alla Nutrigenomica Che il cibo fosse correlato allo stato di salute è evidentissimo, ma questa ipotesi è stat...
RISCHI E PREVENZIONE NELL'INFERTILITA' DA FATTORE MASCHILE RISCHI E PREVENZIONE NELL'INFERTILITA' DA FATTORE MASCHILE L’infertilità di coppia rappresenta un importante problema sociale e sanitario che coinvo...
L’ANDROPAUSA NON ESISTE MA LA QUALITA’ DEL LIQUIDO NON E’ SEMPRE LA STESSA! Un uomo, a differenza di una donna, non ha un tempo limitato per procreare ecco perché una...
Voglio un bimbo! Qual è il periodo giusto per provarci? Il periodo fertile varia da donna a donna in rapporto alla durata del ciclo mestruale ma, ...
IL BISFENOLO A NEI CONTENITORI ALIMENTARI METTE KO LA FERTILITA’! IL BISFENOLO A NEI CONTENITORI ALIMENTARI METTE KO LA FERTILITA’! Il bisfenolo A, conosciuto anche come BPA, è il composto organico più utilizzato nella pro...
 Associazione Fertilità onlus
CENTRO MEDICO BIOLOGICO TECNOMED
ASS.A.I. - ASSOCIAZIONE ANDROLOGI ITALIANI