La coppia omosessuale, tra visione della società ed approccio psicologico

 
E-mail Stampa

coppia_gayQuando parliamo di omosessualità, senza differenziazione tra femminile e maschile, ci riferiamo al desiderio fisico e mentale nei confronti di una persona dello stesso sesso. In questo senso, non possono essere trascurati molteplici aspetti che entrano in gioco quando un individuo sente di voler condividere la propria intimità con un partner che potrebbe scatenare commenti, giudizi, etichettature di vario genere. Ancora la nostra cultura non ci permette di accettare il fatto che quella che oggigiorno viene definita una “forma alternativa di manifestare la propria sessualità” non rappresenta assolutamente un problema per il vivere sociale, ma è piuttosto un ‘conto aperto’ che ciascuno ha nei confronti di una rigidità mentale ad accettare ciò che non rappresenta la norma alla quale tutti debbono attenersi.

Fino a qualche anno fa l’omosessualità era vista come una vera e propria perversione sessuale, da aggiungere alle altre note come il transessualismo, il travestitismo o l’esibizionismo. E, come tutte le perversioni, rappresentava una malattia dalla quale cercare una qualche forma di guarigione. Negli anni, soprattutto la comunità scientifica, ha compreso che questa manifestazione della propria sessualità, non è un atto perverso. Dobbiamo, infatti, ricordare che è perversione tutto ciò che porta nocumento o dolore fisico e psicologico al proprio partner o alla persona con la quale condividiamo i nostri tempi e spazi. Ecco che allora si è preferito arrivare ad una differenziazione sostanziale tra “omosessualità egosintonica” ed “omosessualità egodistonica”. La prima è tipica di quegli individui che vivono la condizione di omosessualità in una forma serena, senza alcun conflitto ed anzi manifestando apertamente le proprie tendenze per nulla curandoamore_manisi delle dicerie altrui. Nel secondo caso, il vissuto di omosessualità assume un ruolo che va in contrasto col proprio io e la persona vive profondi disagi, fino al punto da preferire una vita sessuale nascosta e privata, temendo forme più o meno violente di emarginazione (fino ad arrivare alle manifestazioni omofobe di cui è tristemente piena la cronaca).

Sono questi i casi in cui è opportuno prevedere l’intervento ed il supporto di uno psicologo che possa aiutare la persona a riconoscere in se stessa potenzialità e soprattutto un’identità che, seppur differente da quella eterosessuale, possa contribuire a vivere con piena soddisfazione rapporti amorosi.

Quando l’omosessuale vive già un rapporto di coppia, il partner può diventare un forte elemento di supporto soprattutto rispetto alle ‘etichette’ che la società applica regolarmente. Diverso discorso si prospetta quando la relazione la si effettua tra omosessuale e famiglia di origine. Nel caso quest’ultima si ponga in un attlibertaeggiamento comunicativo efficace ed accogliente, sicuramente le influenze negative esterne potranno essere gestitecon più semplicità. Come sempre, la componente affettiva e umana è determinante non solo per vivere serenamente, ma anche per costruire un rapporto di coppia fondato su una progettualità futura.

C’è un’ultima battaglia che le coppie omosessuali (e gli omosessuali presi individualmente) debbono ancora vincere. Quella che li ha visti, negli anni, essere individuati come ‘untori’ delle malattie sessualmente trasmesse e, nello specifico, dell’AIDS. Ricordiamo infatti che per tanto tempo ha resistito il concetto di “categoria a rischio”. Oggigiorno, infatti, la presenza della bisessualità e soprattutto dell’eterosessualità, tra le ‘ex’ categorie a rischio conferma agli studiosi e ai ricercatori quanto non si possa più parlare del ‘chi’ ma del ‘come’ un comportamento sessuale possa determinare esiti infausti.

Bookmark and Share
 

Altri Articoli - Sessuologia e Psicologia

"Un 'altro tentativo fallito, un altro dolore da soffocare..." - Il diario della Fecondazione Assistita 1

Le emozioni di una paziente che ha vissuto la sua infertilità "sine causa" o inspiegata e tutte le terapie fatte, compresi i tanti tentativi di inseminazione intrauterina, fivet, icsi.
riprova
IV Corso Medicina della Riproduzione-Roma, 27 Maggio 2014
IV Corso Medicina della Riproduzione "Infertilità Inspiegata"

Diagnosi di infertilità: come reagisce la coppia?

Dr. Tatiana De Santis

riprova

News

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
ABORTO SPONTANEO RICORRENTE: SI SCOPRE UNA CORRELAZIONE CON IL FATTORE VEGF. ABORTO SPONTANEO RICORRENTE: SI SCOPRE UNA CORRELAZIONE CON IL FATTORE VEGF. Il fattore di crescita dell’endotelio o VEGF è una proteina coinvolta nella formazione di ...
I GRASSI SATURI DANNEGGIANO LA QUALITA' DEL LIQUIDO SEMINALE I GRASSI SATURI DANNEGGIANO LA QUALITA' DEL LIQUIDO SEMINALE Secondo uno studio pubblicato sull’ American Journal of Clinical Nutrition, quantità ecc...
SINDROME DI DOWN E CURA: PARE SIA DAVVERO POSSIBILE? SINDROME DI DOWN E CURA: PARE SIA DAVVERO POSSIBILE? Nell'uomo vi sono 23 coppie di cromosomi, tra cui due cromosomi sessuali, per un totale di...
IL PERIODO DI VITA FERTILE DI UNA DONNA DIPENDE DALL’ETA’ DELLA MADRE AL MOMENTO DELLA MENOPAUSA IL PERIODO DI VITA FERTILE DI UNA DONNA DIPENDE DALL’ETA’ DELLA MADRE AL MOMENTO DELLA MENOPAUSA Uno studio pubblicato su Human Reproduction da un gruppo di ricercatori guidati da Janne B...
Harmony test: la nuova frontiera dell'analisi prenatale Harmony test: la nuova frontiera dell'analisi prenatale Si chiama Harmony il nuovo test prenatale che si sta pian piano sostituendo alla famosa am...
LEGGE 40: DAL 2009 E’ TUTTO PIU’ LECITO. Dal maggio 2009 parte della legge 40 sulla fecondazione assistita è stata abrogata. Molti ...
Carne bianca o carne rossa? Quelle più “pallide” fanno meglio! Le recenti Linee Guida del Ministero della Salute per un’alimentazione bilanciata raccoman...
"L’uomo è ciò che mangia": da Feuerbach alla Nutrigenomica Che il cibo fosse correlato allo stato di salute è evidentissimo, ma questa ipotesi è stat...
RISCHI E PREVENZIONE NELL'INFERTILITA' DA FATTORE MASCHILE RISCHI E PREVENZIONE NELL'INFERTILITA' DA FATTORE MASCHILE L’infertilità di coppia rappresenta un importante problema sociale e sanitario che coinvo...
L’ANDROPAUSA NON ESISTE MA LA QUALITA’ DEL LIQUIDO NON E’ SEMPRE LA STESSA! Un uomo, a differenza di una donna, non ha un tempo limitato per procreare ecco perché una...
Voglio un bimbo! Qual è il periodo giusto per provarci? Il periodo fertile varia da donna a donna in rapporto alla durata del ciclo mestruale ma, ...
IL BISFENOLO A NEI CONTENITORI ALIMENTARI METTE KO LA FERTILITA’! IL BISFENOLO A NEI CONTENITORI ALIMENTARI METTE KO LA FERTILITA’! Il bisfenolo A, conosciuto anche come BPA, è il composto organico più utilizzato nella pro...
 Associazione Fertilità onlus
CENTRO MEDICO BIOLOGICO TECNOMED
ASS.A.I. - ASSOCIAZIONE ANDROLOGI ITALIANI