Pedofilia, cause di un disturbo psichiatrico

 
E-mail Stampa

Pedofilia-manoLa pedofilia è un disturbo psichiatrico che si presenta nell’adulto o nel giovane adolescente ed è caratterizzato da fantasie, impulsi sessuali e comportamenti ricorrenti che hanno come oggetto bambini prepuberi (sotto i 13 anni). Questi impulsi perdurano per un periodo di almeno sei mesi e provocano eccitazione e soddisfazione sessuale. Anche se questo disturbo ha una forte connotazione maschile, non è superfluo ricordare che un certo numero di pedofili è di sesso femminile.

Molto si è detto sulle cause d’insorgenza della pedofilia, ma ancora oggi non vi è un quadro univoco che spieghi il perché un individuo possa sviluppare questa patologia. Negli anni si sono succedute teorie neuropatologiche, genetiche e socio-ambientali, ma come spesso accade per questi disturbi multifattoriali, l’individuo pedofilo è la risultante dell’interazione di questi tre fattori. Quando la predisposizione genetica incontra, infatti, alcune peculiarità socio-ambientali, quali ad esempio un abuso sessuale in età infantile o la privazione dell’amore genitoriale, lo sviluppo psico-sessuale può deviare verso la patologia. Varie teorie psicologiche e sociologiche tendono, infatti, a interpretare il comportamento del pedofilo come il risultato di carenze affettive che portano la persona a costruirsi un’immagine fragile e inadeguata di sé e della propria sessualità. L’immagine di sé basata sull’idea di non essere degno d’amore induce l’individuo a rivolgere le attenzioni a una persona considerata meno minacciosa e rifiutante, ossia il bambino. Solo con quest’ultimo il pedofilo immagina una relazione meno angosciante e frustrante.

Interessante è la teoria sociologica che vede nel cambiamento del ruolo e dell’immagine femminile nella società una possibile concausa dell’insorgenza della pedofilia. La rivoluzione sessuale degli anni Sessanta ha portato al mutamento dell’immagine della donna da figura passiva a figura attiva e “sessualmente esigente”. In seguito a ciò l’uomo, spodestato dal suo ruolo di maschio virile, manifesta sintomi quali ansia da prestazione e frustrazione, che minano l’essenza del vissuto maschile. L’attenzione sessuale nei confronti del bambino può allora essere spiegata come la necessità di ricercare alcune caratteristiche femminili ormai perse, quali la purezza e la sottomissione.

Date le premesse di una probabile causa come conseguenza di vari fattori, si può facilmente dedurre che il trattamento della pedofilia sia multidisciplinare. Spesso si tende, infatti, ad associare alla terapia farmacologica, basata sulla castrazione medica, un trattamento psicoterapico individuale e/o di gruppo. Purtroppo questi trattamenti hanno una valenza limitata, riducendo il livello di eccitazione sessuale, senza modificare in alcun modo il tipo di preferenza sessuale. Pertanto, l’educazione impartita dai genitori e la conoscenza del problema sono ad oggi la migliore prevenzione nei confronti del fenomeno “pedofilia”. E’ importante che i genitori insegnino al bambino a prestare attenzione alle innumerevoli e spesso subdole strategie con cui il pedofilo ricerca le sue “prede”. Quest’ultimo, che può essere una persona vicina al bambino, come un vicino di casa, un educatore, o addirittura un parente, mira a individuare i bambini più vulnerabili, conquistandoli con la fiducia e le attenzioni. Tuttavia il mezzo più pericoloso attraverso cui il pedofilo può incontrare una moltitudine di bambini è il web. I siti a maggior rischio sono proprio quelli visitati dai minorenni, ossia quelli utilizzati per lo scambio di videogiochi, musica o film, ma anche i social network come “Facebook”. Il bambino dovrà essere perciò aiutato a riconoscere i comportamenti a rischio e a richiedere l’aiuto di persone fidate. Inoltre, il genitore dovrà porre particolare attenzione alla comparsa di atteggiamenti non usuali per un bambino, come ad esempio i comportamenti spiccatamente sessualizzati, che in alcuni casi possono manifestarsi attraverso il gioco e il disegno. In queste circostanze sarà opportuno rivolgersi a specialisti, il cui compito sarà l’accertamento dell’eventuale abuso subito dal bambino.

*Psicologa, psicoterapeuta

 

Altri Articoli - Sessuologia e Psicologia

Blastocisti e PGs sempre buone tecniche?

Quanti embrioni arrivano dopo 5 giorni di coltura a blastocisti? Si calcola circa il 50% da un recente lavoro scientifico su queste tecniche con una percentuale di gravidanze cliniche del 14% per Pick-Up. I nostri risultati (Centro Biofertility 2016) senza coltura a blastocisti o PGs ci hanno mostrato un tasso di gravidanze clinico del 32% per Pick-Up
riprova

Diagnosi di infertilità: come reagisce la coppia?

Dr. Tatiana De Santis

riprova

“Sembra una stella cadente….!”

embriotransfer scritta
Prof.Claudio Manna

News

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
ABORTO SPONTANEO RICORRENTE: SI SCOPRE UNA CORRELAZIONE CON IL FATTORE VEGF. ABORTO SPONTANEO RICORRENTE: SI SCOPRE UNA CORRELAZIONE CON IL FATTORE VEGF. Il fattore di crescita dell’endotelio o VEGF è una proteina coinvolta nella formazione di ...
I GRASSI SATURI DANNEGGIANO LA QUALITA' DEL LIQUIDO SEMINALE I GRASSI SATURI DANNEGGIANO LA QUALITA' DEL LIQUIDO SEMINALE Secondo uno studio pubblicato sull’ American Journal of Clinical Nutrition, quantità ecc...
SINDROME DI DOWN E CURA: PARE SIA DAVVERO POSSIBILE? SINDROME DI DOWN E CURA: PARE SIA DAVVERO POSSIBILE? Nell'uomo vi sono 23 coppie di cromosomi, tra cui due cromosomi sessuali, per un totale di...
IL PERIODO DI VITA FERTILE DI UNA DONNA DIPENDE DALL’ETA’ DELLA MADRE AL MOMENTO DELLA MENOPAUSA IL PERIODO DI VITA FERTILE DI UNA DONNA DIPENDE DALL’ETA’ DELLA MADRE AL MOMENTO DELLA MENOPAUSA Uno studio pubblicato su Human Reproduction da un gruppo di ricercatori guidati da Janne B...
Harmony test: la nuova frontiera dell'analisi prenatale Harmony test: la nuova frontiera dell'analisi prenatale Si chiama Harmony il nuovo test prenatale che si sta pian piano sostituendo alla famosa am...
LEGGE 40: DAL 2009 E’ TUTTO PIU’ LECITO. Dal maggio 2009 parte della legge 40 sulla fecondazione assistita è stata abrogata. Molti ...
Carne bianca o carne rossa? Quelle più “pallide” fanno meglio! Le recenti Linee Guida del Ministero della Salute per un’alimentazione bilanciata raccoman...
"L’uomo è ciò che mangia": da Feuerbach alla Nutrigenomica Che il cibo fosse correlato allo stato di salute è evidentissimo, ma questa ipotesi è stat...
RISCHI E PREVENZIONE NELL'INFERTILITA' DA FATTORE MASCHILE RISCHI E PREVENZIONE NELL'INFERTILITA' DA FATTORE MASCHILE L’infertilità di coppia rappresenta un importante problema sociale e sanitario che coinvo...
L’ANDROPAUSA NON ESISTE MA LA QUALITA’ DEL LIQUIDO NON E’ SEMPRE LA STESSA! Un uomo, a differenza di una donna, non ha un tempo limitato per procreare ecco perché una...
Voglio un bimbo! Qual è il periodo giusto per provarci? Il periodo fertile varia da donna a donna in rapporto alla durata del ciclo mestruale ma, ...
IL BISFENOLO A NEI CONTENITORI ALIMENTARI METTE KO LA FERTILITA’! IL BISFENOLO A NEI CONTENITORI ALIMENTARI METTE KO LA FERTILITA’! Il bisfenolo A, conosciuto anche come BPA, è il composto organico più utilizzato nella pro...
 Associazione Fertilità onlus
CENTRO MEDICO BIOLOGICO TECNOMED
ASS.A.I. - ASSOCIAZIONE ANDROLOGI ITALIANI