Il piacere del rischio nei rapporti sessuali non protetti

 
E-mail Stampa

rischio_rapporti_1La voglia di trasgredire è insita nell’uomo. Fin da piccoli esiste nell’essere umano un desiderio innato di andare contro le norme sociali scritte o contro certe regole davanti alle quali non siamo in sintonia. E’ il classico esempio del bambino che sa che non deve aprire il barattolo di cioccolata anche se la desidera ardentemente. Tuttavia, di nascosto dai genitori non solo apre il barattolo, ma divora tutto il suo contenuto. Crescendo le esigenze cambiano, così come le gratificazioni rispetto alla personale vita sociale. Finanche arrivando alla vita intima e sessuale.

Nel nostro Paese non esiste sostanzialmente una cultura della prevenzione né rispetto alla propria salute né rispetto alla salute degli altri. Ma non esiste neppure una consapevolezza di tutto ciò che la superficialità dell’approccio sessuale può determinare, a livello di conseguenze e di potenziali malattie. La risposta all’interrogativo del presente articolo sta in due aspetti essenziali ma cruciali.

Innanzitutto, il vissuto del rischio. Molti individui non accettano l’idea di tutto di ciò che può provocare sofferenza, fisica e psicologica, e neppure hanno un rapporto con il concetto di morte e di lutto. In altre parole, essendo l’essere umano spinto costantemente verso un’autoconservazione e verso un allontanare pensieri negativi, risulta particolarmente facile e vantaggioso crearsi l’alibi ed il benestare per agire liberamente. Si comincia a pensare a frasi come: “Tanto a me non succede nulla di pericoloso”, “Perché dovrebbe accadere proprio a me di ammalarmi?”, “Sono attento e la persona che ho di fronte sicuramente lo sarischio_rapporti_2à come me”… E’, a nostro modo di vedere, una questione sociale e culturale, si diceva, anche perché non è stato mai applicato un protocollo di intervento capillare e soprattutto partendo dalle radici e non dal fusto del problema. Occorrerebbe iniziare a parlare di sessualità e di educazione all’affettività ed emotività, ovviamente con le parole idonee, fin dalla tenera età. Soprattutto in un’epoca come quella odierna, basata sulle informazioni caotiche di Internet, spesso errate o parziali, solo l’intervento di professionisti del settore, capaci di progettare interventi scientifici da un lato e di semplice fruizione dall’altro, può determinare il cambiamento. La salute come valore e stile di vita e non come fatto scontato.

In secondo luogo, possiamo ben sottolineare che è diffusa l’idea che una prevenzione legata all’uso del profilattico o condom, sia legata ad un’alterazione del piacere che risulterebbe quindi falsante sia la dinamica del rapporto che le sensazioni donate e ricevute. Assai spesso questo è un condizionamento sia ereditato negli anni (una sorta di profezia che si autoverifica), sia legato al fatto che si pensa al suo utilizzo per prevenire eventuali gravidanze indesiderate e non le malattie sessualmente trasmissibili (MST). In realtà, l’avvento dell’AIDS ed i fantasmi che ha innescato legati al pensare che questa è una sindrome, che porta alla morte ‘voluta’ e non ‘subita’ dalla persona, dovrebbe far riflettere proprio su quanto convenga, attraverso un gesto in sé banale, pensare ad una tutela non solo del proprio sé ma anche della persona che si ama o con la quale si sta per avere un rischio_rapporti_3rapporto occasionale. Tutto ciò è ancora più avvalorato dall’evidenziare il passaggio dal concetto di “categorie a rischio” di contagio al concetto più realistico di “comportamenti a rischio” e dal fatto che, se un tempo erano tossicodipendenti ed omosessuali, i diretti interessati al problema, oggigiorno sono gli eterosessuali ad esserlo in un numero spaventosamente elevato.

Purtroppo, ad un boom di percorsi di formazione, progettazione ed interventi educativi negli anni 90, ha fatto seguito un lento ed inesorabile calo dei livelli di attenzione anche legato ad un abbassamento della guardia e della sensibilità, soprattutto rispetto all’AIDS, da parte delle istituzioni e di chi dovrebbe diffondere criteri legati al piacere in sicurezza ed al rispetto reciproco in situazione di intimità.

 

Altri Articoli - Sessuologia e Psicologia

Blastocisti e PGs sempre buone tecniche?

Quanti embrioni arrivano dopo 5 giorni di coltura a blastocisti? Si calcola circa il 50% da un recente lavoro scientifico su queste tecniche con una percentuale di gravidanze cliniche del 14% per Pick-Up. I nostri risultati (Centro Biofertility 2016) senza coltura a blastocisti o PGs ci hanno mostrato un tasso di gravidanze clinico del 32% per Pick-Up
riprova

Diagnosi di infertilità: come reagisce la coppia?

Dr. Tatiana De Santis

riprova

“Sembra una stella cadente….!”

embriotransfer scritta
Prof.Claudio Manna

News

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
ABORTO SPONTANEO RICORRENTE: SI SCOPRE UNA CORRELAZIONE CON IL FATTORE VEGF. ABORTO SPONTANEO RICORRENTE: SI SCOPRE UNA CORRELAZIONE CON IL FATTORE VEGF. Il fattore di crescita dell’endotelio o VEGF è una proteina coinvolta nella formazione di ...
I GRASSI SATURI DANNEGGIANO LA QUALITA' DEL LIQUIDO SEMINALE I GRASSI SATURI DANNEGGIANO LA QUALITA' DEL LIQUIDO SEMINALE Secondo uno studio pubblicato sull’ American Journal of Clinical Nutrition, quantità ecc...
SINDROME DI DOWN E CURA: PARE SIA DAVVERO POSSIBILE? SINDROME DI DOWN E CURA: PARE SIA DAVVERO POSSIBILE? Nell'uomo vi sono 23 coppie di cromosomi, tra cui due cromosomi sessuali, per un totale di...
IL PERIODO DI VITA FERTILE DI UNA DONNA DIPENDE DALL’ETA’ DELLA MADRE AL MOMENTO DELLA MENOPAUSA IL PERIODO DI VITA FERTILE DI UNA DONNA DIPENDE DALL’ETA’ DELLA MADRE AL MOMENTO DELLA MENOPAUSA Uno studio pubblicato su Human Reproduction da un gruppo di ricercatori guidati da Janne B...
Harmony test: la nuova frontiera dell'analisi prenatale Harmony test: la nuova frontiera dell'analisi prenatale Si chiama Harmony il nuovo test prenatale che si sta pian piano sostituendo alla famosa am...
LEGGE 40: DAL 2009 E’ TUTTO PIU’ LECITO. Dal maggio 2009 parte della legge 40 sulla fecondazione assistita è stata abrogata. Molti ...
Carne bianca o carne rossa? Quelle più “pallide” fanno meglio! Le recenti Linee Guida del Ministero della Salute per un’alimentazione bilanciata raccoman...
"L’uomo è ciò che mangia": da Feuerbach alla Nutrigenomica Che il cibo fosse correlato allo stato di salute è evidentissimo, ma questa ipotesi è stat...
RISCHI E PREVENZIONE NELL'INFERTILITA' DA FATTORE MASCHILE RISCHI E PREVENZIONE NELL'INFERTILITA' DA FATTORE MASCHILE L’infertilità di coppia rappresenta un importante problema sociale e sanitario che coinvo...
L’ANDROPAUSA NON ESISTE MA LA QUALITA’ DEL LIQUIDO NON E’ SEMPRE LA STESSA! Un uomo, a differenza di una donna, non ha un tempo limitato per procreare ecco perché una...
Voglio un bimbo! Qual è il periodo giusto per provarci? Il periodo fertile varia da donna a donna in rapporto alla durata del ciclo mestruale ma, ...
IL BISFENOLO A NEI CONTENITORI ALIMENTARI METTE KO LA FERTILITA’! IL BISFENOLO A NEI CONTENITORI ALIMENTARI METTE KO LA FERTILITA’! Il bisfenolo A, conosciuto anche come BPA, è il composto organico più utilizzato nella pro...
 Associazione Fertilità onlus
CENTRO MEDICO BIOLOGICO TECNOMED
ASS.A.I. - ASSOCIAZIONE ANDROLOGI ITALIANI