Il sesso alternativo nel rapporto di coppia, tra normalità e perversione.

 
E-mail Stampa

perversione_1Da decenni sociologi, psicologi, medici e statistici si confrontano con parole la cui definizione è spesso carica di mistero o quantomeno di una difficoltà di inquadramento che possa soddisfare i criteri della scientificità. Una di queste parole è “normalità”. Da sempre alla ricerca di cosa possa esser definito normale, l’essere umano è riuscito a porre le basi per un livello di accettazione se questa la si definisce col metro di ‘norma statistica’. Come è possibile vedere nell’immagine, utilizzando la cosiddetta “curva di Gauss” o “curva a campana” o semplicemente “curva normale”, possiamo concludere che tutto ciò che è presente al centro di questa curva, rappresenta perfettamente il concetto di sanità, di salute, di normalità. Tutto ciò che, invece, si discosta dal centro della curva, ovvero le ‘code’, si allontana dalla condizione di normale, prendendone il posto parole come malattia, disagio, ecc. Facendo un esempio che possa illustrare perfettamente il concetto di curca normale e di normalità, la salute presente centralmente potrebbe portare nella coda sinistra, via via, sempre più verso una condizione di depressione, mentre nella coda destra, via via, verso una condizione di euforia/maniacalità.

perversione_3Stante questa doverosa e forse un po’ matematica premessa, il sesso alternativo nella coppia potrebbe essere visto come normale o perverso, a seconda dell’individuale livello di percezione di cosa è lecito/illecito, naturale/innaturale, piacevole/doloroso. In questo senso si inserisce il concetto di “perversione” che, secondo il DSM IV (American Psychiatric Association, (2000), DSM-IV-TR – Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali. Milano, Edizione Riveduta, Milano, Masson, 2005) ha a che fare con “fantasie, impulsi sessuali o comportamenti ricorrenti ed intensamente eccitanti sessualmente" che riguardano:

1. oggetti inanimati

2. la sofferenza e l’umiliazione di se stessi o del partner

3. bambini o altre persone non consenzienti

perversione_2Prendendo in considerazione il punto 2, se mettiamo a confronto una coppia A che ama il rapporto anale, per esempio, non vivendo questo come atto recante sofferenza o umiliante (per chi lo riceve) ed una coppia B che pratica rapporti sessuali ‘classici’, possiamo concludere che, ancora una volta, è estremamente labile il confine che separa il normale dall’anormale. Infatti, la coppia B vivrà la coppia A come perversa poiché, adottando quel tipo di rapporto, si creerebbero i presupposti indicati nel punto 2 dei criteri del DSM.

Non dimentichiamoci, infine, che assai spesso i rapporti sessuali all’interno di una coppia sono la risultante non solo dell’intesa tra i due partner, ma anche delle esperienze pregresse, dell’educazione familiare ricevuta, del vissuto intimistico e spirituale, finanche del credo religioso col quale ci si è comunque in un dato momento della propria vita, confrontati. E del giudizio morale/moralistico che la società è pronta ad offrire a fronte di quel discostamento dalla norma di cui si parlava nella parte iniziale di questo articolo.

 

Altri Articoli - Sessuologia e Psicologia

“Sembra una stella cadente….!”

embriotransfer scritta
Prof.Claudio Manna

News

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
ABORTO SPONTANEO RICORRENTE: SI SCOPRE UNA CORRELAZIONE CON IL FATTORE VEGF. ABORTO SPONTANEO RICORRENTE: SI SCOPRE UNA CORRELAZIONE CON IL FATTORE VEGF. Il fattore di crescita dell’endotelio o VEGF è una proteina coinvolta nella formazione di ...
I GRASSI SATURI DANNEGGIANO LA QUALITA' DEL LIQUIDO SEMINALE I GRASSI SATURI DANNEGGIANO LA QUALITA' DEL LIQUIDO SEMINALE Secondo uno studio pubblicato sull’ American Journal of Clinical Nutrition, quantità ecc...
SINDROME DI DOWN E CURA: PARE SIA DAVVERO POSSIBILE? SINDROME DI DOWN E CURA: PARE SIA DAVVERO POSSIBILE? Nell'uomo vi sono 23 coppie di cromosomi, tra cui due cromosomi sessuali, per un totale di...
IL PERIODO DI VITA FERTILE DI UNA DONNA DIPENDE DALL’ETA’ DELLA MADRE AL MOMENTO DELLA MENOPAUSA IL PERIODO DI VITA FERTILE DI UNA DONNA DIPENDE DALL’ETA’ DELLA MADRE AL MOMENTO DELLA MENOPAUSA Uno studio pubblicato su Human Reproduction da un gruppo di ricercatori guidati da Janne B...
Harmony test: la nuova frontiera dell'analisi prenatale Harmony test: la nuova frontiera dell'analisi prenatale Si chiama Harmony il nuovo test prenatale che si sta pian piano sostituendo alla famosa am...
LEGGE 40: DAL 2009 E’ TUTTO PIU’ LECITO. Dal maggio 2009 parte della legge 40 sulla fecondazione assistita è stata abrogata. Molti ...
Carne bianca o carne rossa? Quelle più “pallide” fanno meglio! Le recenti Linee Guida del Ministero della Salute per un’alimentazione bilanciata raccoman...
"L’uomo è ciò che mangia": da Feuerbach alla Nutrigenomica Che il cibo fosse correlato allo stato di salute è evidentissimo, ma questa ipotesi è stat...
RISCHI E PREVENZIONE NELL'INFERTILITA' DA FATTORE MASCHILE RISCHI E PREVENZIONE NELL'INFERTILITA' DA FATTORE MASCHILE L’infertilità di coppia rappresenta un importante problema sociale e sanitario che coinvo...
L’ANDROPAUSA NON ESISTE MA LA QUALITA’ DEL LIQUIDO NON E’ SEMPRE LA STESSA! Un uomo, a differenza di una donna, non ha un tempo limitato per procreare ecco perché una...
Voglio un bimbo! Qual è il periodo giusto per provarci? Il periodo fertile varia da donna a donna in rapporto alla durata del ciclo mestruale ma, ...
IL BISFENOLO A NEI CONTENITORI ALIMENTARI METTE KO LA FERTILITA’! IL BISFENOLO A NEI CONTENITORI ALIMENTARI METTE KO LA FERTILITA’! Il bisfenolo A, conosciuto anche come BPA, è il composto organico più utilizzato nella pro...
 Associazione Fertilità onlus
CENTRO MEDICO BIOLOGICO TECNOMED
ASS.A.I. - ASSOCIAZIONE ANDROLOGI ITALIANI