Rimettersi in gioco dopo un tumore. Nuove emozioni e speranze di vita

 
E-mail Stampa

tumore_senoEsistono poche esperienze nella vita che possono portare un individuo a rendersi conto di quanto sottile sia il confine tra gioia e dolore, minando tremendamente ogni volontà progettuale e rendendo schiavi della dimensione offerta dal pensiero che ogni giorno potrebbe essere l’ultimo. Questa dimensione si scatena quando la notizia di avere un tumore trasforma anche l’essere umano più forte, ottimista e positivo. Le dinamiche interiori che entrano in gioco non si fermano al puro e semplice riorganizzarsi della quotidianità, ma diventano gradatamente paletti oggettivamente ostentati da chi entra nell’ottica della malattia cronica ed invalidante. Il tumore, inoltre, è un macigno che si scatena non solo perché stravolge la vita di chi lo porta con sé, ma che limita fortemente parenti, colleghi, amici, tutta le rete sociale di riferimento.

Non è difficile assistere, per esempio, all’allontanamento di tutte quelle persone che si pensava essere amiche o alle quali si era fortemente legati, quasi come se la nuova, nefasta notizia, assumesse i connotati della peste. La solitudine interiore, allora, diventa solitudine veramente cosmica, perché non è più possibile trovare punti di appiglio, strutture di sostegno e tutto diventa spaventosamente buio, oscuro, tetro.

I passi da gigante effettuati dalla medicina, tuttavia, già da alcuni anni offrono, soprattutto a chi fa della prevenzione un motivo di coscienza personale, speranze di vita ed anche di regressione tumorale un tempo impensabili. E allora succede che lo stress ed il sottoporsi continuamente a visite, trattamenti, riorganizzazioni di passate abitudini, è un prezzo che è costretto a pagare chi ce la fa, chi riesce ad uscire dal tunnel, riassaporando la luce che un tempo fu sua.

Ma non possiamo dimenticare che questo prezzo assai spesso è legato ad una trasformazione corporea (perdita dei capelli per la chemio o radio terapia, per esempio) che presuppone un affacciarsi di un quadro psicologico, sessuale, caratteriale totalmente nuovo e da riordinare.

mano-aiutoDiciamo subito che risollevarsi si può, oltre che si deve. Il supporto di persone che credono nella vita e nella ripresa, una ‘politica dei piccoli passi’ da affrontare con amici, un supporto psicologico da parte di una figura professionalmente preparata all’ascolto e al dialogo, sono alcune delle risorse utili per ricominciare.

Un ostacolo che si può incontrare potrà essere quello di voler riguadagnare il tempo perduto. E allora, in questo caso, sarà buona regola proporsi piccoli obiettivi da raggiungere a breve e medio termine. Obiettivi che serviranno soprattutto a restituire alla persona motivazione, autostima, forza di volontà.

Non è da trascurare, poi, che un vissuto d’esperienza così traumatico, possa col tempo rappresentare un bagaglio di straordinario valore: spesso si esce dalla gabbia nella quale ci si era trovati avviluppati con una grande voglia di amare, vivere, riassaporare ciò che si aveva banalizzato. Diventando maggiormente rispettosi della propria ed altrui vita.

Occorre tempo, volontà, assistenza specialistica e ciò che nel tempo vedrà un rimarginarsi delle ferite del corpo, diverrà anche un tornare a gustare privilegi che solo l’emotività e la sensibilità potranno assaporare.

 

Altri Articoli - Sessuologia e Psicologia

“Sembra una stella cadente….!”

embriotransfer scritta
Prof.Claudio Manna

News

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
ABORTO SPONTANEO RICORRENTE: SI SCOPRE UNA CORRELAZIONE CON IL FATTORE VEGF. ABORTO SPONTANEO RICORRENTE: SI SCOPRE UNA CORRELAZIONE CON IL FATTORE VEGF. Il fattore di crescita dell’endotelio o VEGF è una proteina coinvolta nella formazione di ...
I GRASSI SATURI DANNEGGIANO LA QUALITA' DEL LIQUIDO SEMINALE I GRASSI SATURI DANNEGGIANO LA QUALITA' DEL LIQUIDO SEMINALE Secondo uno studio pubblicato sull’ American Journal of Clinical Nutrition, quantità ecc...
SINDROME DI DOWN E CURA: PARE SIA DAVVERO POSSIBILE? SINDROME DI DOWN E CURA: PARE SIA DAVVERO POSSIBILE? Nell'uomo vi sono 23 coppie di cromosomi, tra cui due cromosomi sessuali, per un totale di...
IL PERIODO DI VITA FERTILE DI UNA DONNA DIPENDE DALL’ETA’ DELLA MADRE AL MOMENTO DELLA MENOPAUSA IL PERIODO DI VITA FERTILE DI UNA DONNA DIPENDE DALL’ETA’ DELLA MADRE AL MOMENTO DELLA MENOPAUSA Uno studio pubblicato su Human Reproduction da un gruppo di ricercatori guidati da Janne B...
Harmony test: la nuova frontiera dell'analisi prenatale Harmony test: la nuova frontiera dell'analisi prenatale Si chiama Harmony il nuovo test prenatale che si sta pian piano sostituendo alla famosa am...
LEGGE 40: DAL 2009 E’ TUTTO PIU’ LECITO. Dal maggio 2009 parte della legge 40 sulla fecondazione assistita è stata abrogata. Molti ...
Carne bianca o carne rossa? Quelle più “pallide” fanno meglio! Le recenti Linee Guida del Ministero della Salute per un’alimentazione bilanciata raccoman...
"L’uomo è ciò che mangia": da Feuerbach alla Nutrigenomica Che il cibo fosse correlato allo stato di salute è evidentissimo, ma questa ipotesi è stat...
RISCHI E PREVENZIONE NELL'INFERTILITA' DA FATTORE MASCHILE RISCHI E PREVENZIONE NELL'INFERTILITA' DA FATTORE MASCHILE L’infertilità di coppia rappresenta un importante problema sociale e sanitario che coinvo...
L’ANDROPAUSA NON ESISTE MA LA QUALITA’ DEL LIQUIDO NON E’ SEMPRE LA STESSA! Un uomo, a differenza di una donna, non ha un tempo limitato per procreare ecco perché una...
Voglio un bimbo! Qual è il periodo giusto per provarci? Il periodo fertile varia da donna a donna in rapporto alla durata del ciclo mestruale ma, ...
IL BISFENOLO A NEI CONTENITORI ALIMENTARI METTE KO LA FERTILITA’! IL BISFENOLO A NEI CONTENITORI ALIMENTARI METTE KO LA FERTILITA’! Il bisfenolo A, conosciuto anche come BPA, è il composto organico più utilizzato nella pro...
 Associazione Fertilità onlus
CENTRO MEDICO BIOLOGICO TECNOMED
ASS.A.I. - ASSOCIAZIONE ANDROLOGI ITALIANI